Trieste e Roma sulle manifestazioni infiltrate e sulle manifestazioni annullate

Ottobre 23, 2021
david colantoni
Per leggere questo articolo ti servono: 8minuti

RIFLESSIONE SULL’ANNULLAMENTO DELLA MANIFESTAZIONE DI TRIESTE E IL DIRITTO COSTITUZIONALE A MANIFESTARE

Prima di iniziare premetto che il ragionamento che mi appresto a fare non ha nulla a che vedere con i contenuti specifici di queste manifestazioni, è invece una riflessione generale sullo stato della democrazia nel senso di libertà di esprimere dissenso e portare con tale dissenso petizioni alla attenzione del Governo e della Pubblica opinione. Vale quindi per qualsiasi manifestazione pacifica di dissenso a prescindere da quale sia il suo contenuto.

Dunque i portuali di Trieste hanno fatto benissimo a disdire la manifestazione a Trieste. Non potevano fare altrimenti. Perché hanno capito che la manifestazione sarebbe stata come un grosso pacifico pachiderma esposto a predatori violenti che stavano convergendo su di essa, come ci ha fatto sapere la stampa da giorni, senza nessuna difesa. Come accadde a Genova, dove ne conobbi le tragiche conseguenze con i miei stessi occhi trovando li allora.

Loro dunque hanno fatto una cosa saggia, ma la cosa che una manifestazione sia stata annullata , trattandosi di manifestazione autorizzata dalla questura, significa che lo Stato non garantisce la sicurezza del godimento di un diritto politico e dunque rappresenta un fatto di gravità enorme.

Certamente richiederà una riflessione collettiva molto molto seria.

Le manifestazioni infatti sono una di quelle forme costituzionali attraverso cui il popolo esercita la sua sovranità.

un momento della piazza di Trieste

Esse sono permesse e garantite da un combinato di diversi articoli della Costituzione.

L’articolo 17 recita in maniera lapidaria quanto segue “I cittadini hanno diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza o di incolumità pubblica.

L’articolo 1 invece nella sua parte finale recita che “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

L’articolo 16 sancisce il diritto dei cittadini a spostarsi liberamente in qualsiasi luogo della Repubblica , diritto che può essere sospeso per motivi sanitari e di gravi calamità, ma giammai, recita l’articolo 16, per motivi politici.

L’articolo 21, come tutti sappiamo, poi sancisce il diritto ad esprimere le idee con qualsiasi mezzo.

E potremmo continuare.

Ora riunirsi in luoghi pubblici, per esprimere delle idee, e tramite esse protestare contro il governo che esercita dei poteri per conto della sovranità popolare, come servitore dello stato e non come sovrano esso stesso, è appunto una delle forma costituzionali citate dall’articolo 1, in cui il popolo esprime la propria sovranità usando le sue libertà sancite dalla Costituzione.

studenti contro il gren pass a Trieste nei giorni scorsi

Ciò vuol dire che la manifestazione è un momento di espressione della sovranità, tanto quanto quel voto che manda gli uomini del governo a governare, anche se non è il caso del Presidente del Consiglio Draghi , che non eletto da nessuno, come sappiamo, è premier a interim perché nominato a seguito di una crisi, messa in atto da Renzi ad arte, proprio per far cadere un governo legittimamente insediato, e far salire Draghi a Palazzo Chigi, dal Presidente della Repubblica. Ma questa e un’altra cosa e ci siamo capiti.

Cosi se è legittimo il voto anche di una piccola minoranza a fronte di una enorme astensione dei votanti, che non hanno delegato nessuno, per determinare il costituirsi dei governi, altrettanto vale anche una minoranza, relativamente tale, che manifesti contro ciò che fa un governo a sua volta mandato al potere da un’altra minoranza, ovvero quella di quelli, che a dispetto degli astenuti dal voto hanno votato.

un momento delle assemblee cittadine a Trieste nei giorni scorsi

Dunque lo Stato, nella figura del ministero degli interni ha il dovere giuridico di tutelare dalla violenza di infiltrati le manifestazioni di cittadini pacifici, allo stesso identico modo che le forze dell’ordine devono reprimere il crimine affinché i cittadini possano vivere, viaggiare e lavorare in sicurezza.

manifestanti di Terracina accorsi a Trieste

L’articolo 40 del Codice Penale su questa cosa è categorico, e non da adito a nessun equivoco. Esso, nella sua seconda parte, recita che “Non impedire un evento, che si ha l’obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo.” e dunque una simile omissione è penalmente perseguibile. Ma in Italia, il potere sembra essere completamente privo di ogni responsabilità. Lo abbiamo visto anche con i Piani Pandemici mai attuati, seppur abbiamo speranza che la Procura di Bergamo ci smentisca.

L’evento che le forze dell’ordine hanno dunque l’obbligo giuridico di impedire durante una manifestazione, dichiarata dai propri organizzatori pacifica e autorizzata dalla questura, è proprio che nessuno la infiltri per commettervi violenza.

Se non lo impedissero, lasciando tali manifestazioni come le sedi dei sindacati in preda alla violenza, per l’articolo 40 del codice penale sarebbe come se quegli infiltrati li avesse mandati il Ministero dell’interno stesso.

Ovvero lasciandoli agire è come se fossero mezzi della sua volontà di impedire tale manifestazione, anche se essi agissero perfettamente motu proprio.

Questo è quello che dice la legge. Articolo 40 del Codice Penale.

Ebbene lo Stato non ha garantito i cittadini che volevano manifestare a Trieste.

Anzi probabilmente ha influenzato e terrorizzato gli stessi organizzatori. La stampa del resto ha iniziato a battere a tamburo battente la minaccia infiltrati già da giorni, creando il clima di terrore, lo abbiamo visto a Genova nel 2001, dove poi le stesse forze dell’ordine si sono rese responsabili della più grave sospensione dello sttato di diritto in Europa dal dopo guerra con le torture di Bolzaneto e il massacro della scuola Diaz, come ebbe a dire Amnesty international.

un manifestante contro il green pass a Trieste nei giorni scorsi

Possiamo facilmente immaginare che tensione possano avere avuto gli organizzatori triestini, che sono dei semplici cittadini.

Cosi come il potere esecutivo non ha garantito i cittadini che manifestarono a Roma, limitandosi a mandare degli agenti infiltrati per misurare i moti ondulatori dei mezzi presi d’assalto dai facinorosi che lo Stato ha lasciato sempre liberi di agire, come dimostrato dall’inchiesta di Fanpage che fra quei fascisti era infiltrata da un anno, anche se erano persone con gli arresti domiciliari e i Daspo.

il video dell’agente verificatore del moto ondulatorio in un servizio de La Stampa

Tutto ciò rappresenta un gravissimo reato contro il popolo.

È un reato contro lo Stato, è un crimine contro la sicurezza dello Stato, perché l’essenza dello Stato è rappresentata dalla sovranità del popolo.

E dunque di questo il governo dovrà essere chiamato a rispondere nelle sedi giudiziarie.

manifestanti a Trieste nei giorni scorsi

A Trieste dunque hanno fatto bene a fronte della possibilità di una seconda Genova 2001, a disdire la manifestazione , dato che lo Stato non si è impegnato ad adempiere i suoi doveri giuridici, come Roma ha ben dimostrato, ben fungendo da paradigma terrorizzante al giudizio degli organizzatori della manifestazione di Trieste.

Ma il governo, il potere esecutivo dello stato, non tutelando la manifestazione, né quella di Trieste, né tanto meno quella di Roma in cui i fascisti sono stati lasciati liberi , nonostante giornalisti di fanpage infiltrati fra di essi da un anno, come abbiamo visto ieri sera nel servizio di Piazza Pulita, di violare e devastare la sede della CGIL , ha fatto una cosa gravissima contro la sovranità. Contro il sovrano, che è il popolo; e ne dovrà rispondere davanti al potere giudiziario.

O altrimenti vorrebbe dire che in Italia il diritto costituzionale a manifestare dissenso nei confronti del governo sarebbe definitivamente morto con l’annullamento della manifestazione di Trieste, e i fatti di Roma, e con esso insieme la Repubblica e la Democrazia.

Cosa ovviamente inammissibile. Che non possiamo permettere.

( Photo by Francesco De Simone)

TUTTI I MIEI INTERVENTI SULLA PANDEMIA IN ORDINE CRONOLOGICO

Contatti d.colantoni@young.it

2 marzo 2020 Coronavirus – Lo stato delle cose

7 marzo 2020 Coronavirus, i punti fragili nella difesa dalla contaminazione

28 marzo 2020 La Russia invia aiuti, “La Stampa” di Molinari la oltraggia. La risposta dell’Ambasciatore Razov

30 marzo 2020 Coronavirus: Necessario nuovo “Processo di Norimberga

4 aprile 2020 Ursula Von der Leyen: Europe has burnt 3 trillion in military spending in 10 years but we are attacked by a Covid19

17 aprile 2020 Impreparazione alla pandemia: chi ha sbagliato? Alla ricerca dei colpevoli…Coronavirus: un reporter-artista in conversazione “speciale” col Prof. Giovanni Rezza, Direttore Reparto Malattie Infettive Istituto Superiore Sanità italiano – LaVoce di New York 

22 aprile 2020 Prove tecniche di Dittatura? Voci off di Giuristi,filosofi e cittadini sovrani

27 aprile 2020 Fase 2 “permettiamo i funerali”- Potere Esecutivo in delirio

29 aprile 2020 Pandemia e analfabetismo funzionale. Contagio e Cultura

1° maggio 2020 Coronavirus, fase 2: ora gioca la responsabilità individuale

2 maggio 2020 Reductio ad agguatum, Nadia Urbinati & Co. e il Manifesto pro Conte

2 ottobre 2020 Movida e Covid19: fermatela subito o avremo una seconda ondata devastante!

30 ottobre 2020 Terapie intensive insufficienti ma 14 miliardi di euro sono per i 90 cacciabombardieri F35. A che gioco giocate?

4 dicembre 2020 Il libro sparito del Ministro Speranza è censura di Stato, distopia orwelliana.

4 dicembre 2020 Welcome to dystopian Italy: the Minister of Health Roberto Speranza’s missing book

16 dicembre 2020 Roberto Speranza, MiBACT scrive: libro non ritirato a norma di legge 633 del 1941

21 dicembre 2020 Lettera alla Giangiacomo Feltrinelli Editore sul libro del ministro Speranza

22 dicembre 2020 Nel Libro di Roberto Speranza il Piano Pandemico non è mai citato. Forse perché non sapeva cosa fosse.

28 maggio 2021 Sputnik V ecco perché io italiano mi sono vaccinato a Mosca. EMA ancora non lo autorizza, basta ostracismi geopolitici”  

17 giugno 2021 Stato di Emergenza e Dittatura.

26 luglio 2021 I No Lex di Mario Draghi che stanno portando il paese nei torbidi

29 luglio 2021 Lettera al Presidente Draghi da un Apolide Sanitario che si prepara a resistenza e Galera.

29 luglio 2021 Presidente Mattarella non è il virus che attenta alla libertà ma i criminali nelle istituzioni che non hanno mai attuato il Piano Pandemico

9 agosto 2021 Green pass obbligatorio analisi politico-giuridica delle dimissioni di Fabrizio Masucci

6 settembre 2021 Luciano Canfora sul green pass “vergognoso tentativo coercitivo in atto”

24 settembre 2021 Lettera agli studenti contro il green pass riflessioni per la difesa dello stato di diritto

27 settembre 2021 OMS torbida e preda del potere degli Stati, il libro del whistleblower Francesco Zambon

29 settembre 2021 Europe pay attention to what is happening in Italy, because it is a serious threat to your freedom.

12 Ottobre 2021 CGIL Ministero degli Interni, Non aver fermato i fascisti è come averli mandati

Seguimi su Twitter  CitizenFive 

L'AUTORE
David Colantoni è poeta, scrittore, saggista pittore e artista visivo. E' autore della rivista Nuovi Argomenti, fondata da Alberto Moravia, della rivista Fermenti, e altre testate. Ha fondato e diretto il mensile di pensiero e letteratura Lettere dalla Frontiera. Insieme ad Aldo Rosselli, figlio dello storico del risorgimento Nello Rosselli e Nipote di Carlo Rosselli, di cui è stato amico e allievo per quasi 30 anni, ha fondato nel 1999 il quadrimestrale di cultura Inchiostri.  Per il cinema ha sceneggiato "Io, l'altro" 2007 , di Moshen Melliti. distribuito da 20th Century Fox. La sua Ultima esposizione come artista è avvenuta al Moscow Museum of Modern Art a giugno del 2015
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?
SOSTIENICI