Portuali di Trieste no al Divide et Impera di Draghi che vuole sostituire i diritti con i privilegi

Ottobre 14, 2021
david colantoni
Per leggere questo articolo ti servono: 6minuti

L’algoritmo che sembra muovere alcune cruciali iniziative del Primo Ministro ad Interim Draghi è la pratica di quella che potremmo definire ineguaglianza privilegiante, ovvero accordare privilegi a coloro che potrebbero rappresentare un problema politico alla sua azione, lo facevano i Romani e rappresenta una delle più antiche tecniche di potere, i romani lo chiamavano Divide Et Impera. Ogni intervento di Draghi in questo senso viola il principio di eguaglianza dei cittadini sancito dalla Costituzione. Ogni suo provvedimento è basato sul dare a qualcuno come privilegio il diritto costituzionale che ha tolto con l’abuso di potere a qualcun altro. Lo fecero i Romani con la cittadinanza romana che davano come privilegio a chi defezionava la lega italica (89-91 aC) che si batteva proprio per l’estensione della cittadinanza romana a tutti i popoli di Italia. Andò a finire male per i romani, che vinsero militarmente le battaglie principali, non tutte, ma persero politicamente la sfida, come era ovvio, date le strutture dei rapporti sociali, e i popoli divennero tutti popoli di cittadinanza romana iscritti nella IV tribù Sergia.

Cosi dopo il green pass che è un provvedimento estorsivo e ricattatorio che rende ineguali i cittadini davanti alla non legge e lo Stato irresponsabile davanti ai cittadini, cosa ribadita da eminenti giuristi anche nella Commissione Affari Costituzionali di cui la stampa di sistema non ha fatto parola, appena pochi giorni prima che lo Stato lasciasse liberi di agire i fascisti eversori per assaltare il sindacato della CGIL, arriva la proposta di dare tamponi gratis ma solo ai lavoratori, lasciando fuori chi lavoratore non è. Ennesima violazione dell’articolo 3 della Costituzione che sancisce l’eguaglianza dei cittadini.

 L’intervento del Prof. di Diritto Costituzionale Alessandro Mangia alla Commissione Affari Costituzionali in Senato il 07/10/2021

In una prospettiva evangelica, per i credenti, quest’opera di frattura della coesione sociale attuata sostituendo diritti universali sanciti dalla Costituzione con privilegi accordati in base alla bisogna, assomiglia in maniera impressionante alla semina della zizzania che Cristo, come racconta Matteo nel suo Vangelo, cosi spiegava ai primi cristiani , rileggiamo il passo dal vangelo di Matteo in cui Cristo spiega la sua stessa parabola : « Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo. Il seme buono sono i figli del regno; la zizzania sono i figli del diavolo, e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura rappresenta la fine del mondo, e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti gli operatori di iniquità e li getteranno nella fornace ardente dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, intenda! » Matteo 13,37-42

il Primo ministro ad interim il Banchiere Mario Draghi

I lavoratori del Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste, hanno però una visione cristallina , limpida, perfetta di quello che stanno facendo e per cosa lo stanno facendo. Come hanno ribadito a chiare lettere nel loro comunicato del 14 Ottobre che mettiamo nella foto in basso: non per ottenere privilegi, ma a a difesa del principio costituzionale di eguaglianza ormai apertamente minacciato da un potere esecutivo senza più alcun contrappeso e bilanciamento, con un primo ministro ad interim che sembra ormai completamente preda di quella che gli antichi chiamavano Hybris, la tracotanza, a cui corrispondeva sempre, nella narrazione antica, il risveglio della nemesis che finiva con il colpire con uno schiaffo tremendo fra le scapole il tracotante facendolo rovinare miseramente nella polvere della terra, se non fra la tenebra dell’Ade, mentre il potere giudiziario , a parte qualche rara isola come la Procura di Bergamo, attivata dalle denunce del comitato delle vittime, potere che nella teoria dello stato illuminista, basato sulla divisione dei poteri, avrebbe fra le sue principali funzioni proprio quella di controllare qualsiasi deriva autoritaria del potere esecutivo, sembra completamente dissolto nei fumi delle vergogne palamaresche, mentre il legislatore assiste impotente con le mani legate dallo Stato di emergenza istituito da quasi due anni, mani che ha ampiamente offerto da solo ai ceppi di uno stato di emergenza che ricordiamo è anche quello provvedimento non contemplato dalla Costituzione.

A strenua difesa della Costituzione restano dunque i lavoratori, classe su cui non a caso è costituzionalmente fondata la repubblica italiana, mentre i capi del sindacato che viaggiano in potenti Audi nere vengono simbolicamente sottomessi in abbracci imperiali da codice miniato medioevale, a cui poco manca l’offerta di terra e di acqua come atto di sottomissione all’imperatore, come osservava recentemente anche un esperto di rappresentazione come Freccero.

Alla testa dei lavoratori, baluardo della Costituzione, oggi dunque ci sono i Lavoratori del coordinamento lavoratori portuali di Trieste. Uomini illuminati della eroica luce di chi si erge a difesa dello stato di diritto.

FARI NELLA TENEBRA DELLA TEMPESTA

E non sembra esserci simbolo migliore a rappresentare quello che stanno facendo indicando la strada da intraprendere il fatto che è proprio nei porti che ci sono i fari che aiutano i naviganti nella tempesta a trovare la strada della salvezza: i portuali di Trieste oggi sono realmente il faro d’Italia.

Quello che segue qui in foto è il testo del loro comunicato di oggi 14 Ottobre 2021, con cui dicono NO al Divide et Impera di Draghi.

il Comunicato dei lavoratori del Coordinamento Lavoratori Portuali Trieste del 14 Ottobre

TUTTI I MIEI INTERVENTI SULLA PANDEMIA IN ORDINE CRONOLOGICO

2 marzo 2020 Coronavirus – Lo stato delle cose

7 marzo 2020 Coronavirus, i punti fragili nella difesa dalla contaminazione

28 marzo 2020 La Russia invia aiuti, “La Stampa” di Molinari la oltraggia. La risposta dell’Ambasciatore Razov

30 marzo 2020 Coronavirus: Necessario nuovo “Processo di Norimberga

4 aprile 2020 Ursula Von der Leyen: Europe has burnt 3 trillion in military spending in 10 years but we are attacked by a Covid19

17 aprile 2020 Impreparazione alla pandemia: chi ha sbagliato? Alla ricerca dei colpevoli…Coronavirus: un reporter-artista in conversazione “speciale” col Prof. Giovanni Rezza, Direttore Reparto Malattie Infettive Istituto Superiore Sanità italiano – LaVoce di New York 

22 aprile 2020 Prove tecniche di Dittatura? Voci off di Giuristi,filosofi e cittadini sovrani

27 aprile 2020 Fase 2 “permettiamo i funerali”- Potere Esecutivo in delirio

29 aprile 2020 Pandemia e analfabetismo funzionale. Contagio e Cultura

1° maggio 2020 Coronavirus, fase 2: ora gioca la responsabilità individuale

2 maggio 2020 Reductio ad agguatum, Nadia Urbinati & Co. e il Manifesto pro Conte

2 ottobre 2020 Movida e Covid19: fermatela subito o avremo una seconda ondata devastante!

30 ottobre 2020 Terapie intensive insufficienti ma 14 miliardi di euro sono per i 90 cacciabombardieri F35. A che gioco giocate?

4 dicembre 2020 Il libro sparito del Ministro Speranza è censura di Stato, distopia orwelliana.

4 dicembre 2020 Welcome to dystopian Italy: the Minister of Health Roberto Speranza’s missing book

16 dicembre 2020 Roberto Speranza, MiBACT scrive: libro non ritirato a norma di legge 633 del 1941

21 dicembre 2020 Lettera alla Giangiacomo Feltrinelli Editore sul libro del ministro Speranza

22 dicembre 2020 Nel Libro di Roberto Speranza il Piano Pandemico non è mai citato. Forse perché non sapeva cosa fosse.

28 maggio 2021 Sputnik V ecco perché io italiano mi sono vaccinato a Mosca. EMA ancora non lo autorizza, basta ostracismi geopolitici”  

17 giugno 2021 Stato di Emergenza e Dittatura.

26 luglio 2021 I No Lex di Mario Draghi che stanno portando il paese nei torbidi

29 luglio 2021 Lettera al Presidente Draghi da un Apolide Sanitario che si prepara a resistenza e Galera.

29 luglio 2021 Presidente Mattarella non è il virus che attenta alla libertà ma i criminali nelle istituzioni che non hanno mai attuato il Piano Pandemico

9 agosto 2021 Green pass obbligatorio analisi politico-giuridica delle dimissioni di Fabrizio Masucci

6 settembre 2021 Luciano Canfora sul green pass “vergognoso tentativo coercitivo in atto”

24 settembre 2021 Lettera agli studenti contro il green pass riflessioni per la difesa dello stato di diritto

27 settembre 2021 OMS torbida e preda del potere degli Stati, il libro del whistleblower Francesco Zambon

29 settembre 2021 Europe pay attention to what is happening in Italy, because it is a serious threat to your freedom.

12 Ottobre 2021 CGIL Ministero degli Interni, Non aver fermato i fascisti è come averli mandati

Seguimi su Twitter  CitizenFive 

L'AUTORE
David Colantoni è poeta, scrittore, saggista pittore e artista visivo. E' autore della rivista Nuovi Argomenti, fondata da Alberto Moravia, della rivista Fermenti, e altre testate. Ha fondato e diretto il mensile di pensiero e letteratura Lettere dalla Frontiera. Insieme ad Aldo Rosselli, figlio dello storico del risorgimento Nello Rosselli e Nipote di Carlo Rosselli, di cui è stato amico e allievo per quasi 30 anni, ha fondato nel 1999 il quadrimestrale di cultura Inchiostri.  Per il cinema ha sceneggiato "Io, l'altro" 2007 , di Moshen Melliti. distribuito da 20th Century Fox. La sua Ultima esposizione come artista è avvenuta al Moscow Museum of Modern Art a giugno del 2015
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?
SOSTIENICI