Governo stacca assegno da 4 miliardi a industria militare estera tanto poi farà la patrimoniale

Dicembre 6, 2020
david colantoni
Per leggere questo articolo ti servono: 4minuti

Patrimoniale, si parla di questo sotto Natale ma intanto non solo non si ferma l’acquisto di 90 cacciabombardiere f35 per 14 miliardi di euro che costano come mezzo MES,  ma il Governo, a quanto pare con la benedizione dell’opposizione (non risultano infatti pervenute proteste né da Meloni  né da  Salvini) ha  appena deciso di procedere a comprare altri otto aerei di  guerra per un costo di 500 milioni di euro cadauno.

Lo annuncia  senza nessuno scandalo un articolo de la Repubblica, quotidiano al di sopra di ogni sospetto, a firma di Gianluca di Feo che orgogliosamente scrive: “Il governo ha deciso l’acquisto di altri otto super-jet per l’intelligence elettronica: ciascuno costa circa mezzo miliardo. Sarà la squadra di 007 volanti più potente d’Europa, con l’obiettivo di controllare i cieli del Mediterraneo”.

Tali aerei sono costruiti dal titano dell’industria militare americana General Dynamics.

Intanto i pescatori italiani stanno nel mani dei trafficanti di uomini e miliziani libici da mesi. Cosa che dimostra chiaramente che le spese militari non servono alla difesa del cittadini ma solo a se stesse. 

Ognuno di questi aerei costa mezzo miliardo di euro. 

Come  avevo scritto nel mio articolo del 2 marzo 2020, ripreso due mesi dopo da un articolo dell’Espresso  dal titolo Armi sì, respiratori no: nel 2020 oltre 26 miliardi in spese militari per l’Italia, con 500 milioni di euro , il prezzo di uno solo i questi aerei, a vostra scelta  si potrebbero finanziare  oltre 10.000 postazioni di terapia intensiva,  le quali proteggerebbero l’intero PIL italiano permettendo di non fermare la nazione nei vari lockdown, o si potrebbero costruire  4 ospedali  modernissimi per un totale di 1710 posti letto, 52 sale operatorie, 21 sale travaglio, 72 posti osservazione breve intensiva, 134 posti dialisi, 14 sale parto, come quelli di  Lucca, Apuane,  Pistoia e Prato il cui costo complessivo ammonta 419.499.751,85 Euro. Meno del costo di uno di questi singoli aerei. E’ chiaro che con cinque miliardi di reale potenziamento del Sistema Sanitario dedicato al Covid si chiuderebbe la partita con il Covid.

Ma darli alla General Dynamics evidentemente al Governo politicamente conviene molto di più.

La domanda che il contribuente si dovrebbe fare è se abbiamo bisogno di ospedali,   che se avessimo avuto  in maniera sufficiente  non ci avrebbero né fatto sprofondare in recessione economica né fatto  perdere la vita di 60mila cittadini, moltissimi dei quali bruciati in fretta e furia senza esequie nei forni crematori – basti il paragone con la Germania che a fronte dei 5000 posti totali di terapia intensiva italiani, a inizio pandemia, ne aveva 30.000, e confrontare quanti morti ha avuto con le morti italiane, oppure se abbiamo bisogno di otto aerei spia.

Non dico la stampa, no, per carità! Ma penso che il contribuente liberal progressista, che oggi esulterebbe per l’approvazione di una patrimoniale, ma anche il contribuente capitalista, a cui a breve potrebbero ficcare le mani nel portafogli,  dovrebbe chiedersi  molto attentamente a che scopo servirebbe una patrimoniale, il cui primo gettito fiscale “porterebbe un gettito di 6 miliardi per la prima aliquota e di 4 per la seconda per un totale di 10 miliardi” come scriveva Massimo Franchi, se poi il nostro Governo con i super poteri anticostituzionali e i colleghi dell’opposizione, silentissimi e perfettamente allineati e coperti sulla questione, stanno regalando all’industria della morte, come Papa Francesco ha definito l’industria e il mercato delle armi, ulteriori 5 miliardi freschi di euro in piena crisi pandemica ed economica.

Intanto anche ieri sono morte quasi altre 1000 persone, e non sappiamo quante centinaia di attività fallite.

Ma che ce frega?

Aerei spia per tutti! Offre lo Stato alla vostra salute. E Buon Natale!

FINE

Tutti i miei interventi sulla pandemia, dal 2 marzo 2020

Coronavirus – Lo stato delle cose

Coronavirus, i punti fragili nella difesa dalla contaminazione

Coronavirus: Mani Infette, le atroci verità di una Pandemia evitabile. Necessario nuovo storico “Processo di Norimberga

Ursula Von der Leyen: Europe has burnt 3 trillion in military spending in 10 years but we are attacked by a Covid19

Impreparazione alla pandemia: chi ha sbagliato? Alla ricerca dei colpevoli…Coronavirus: un reporter-artista in conversazione “speciale” col Prof. Giovanni Rezza, Direttore Reparto Malattie Infettive Istituto Superiore Sanità italiano – LaVoce di New York 

Prove tecniche di Dittatura? Voci off di Giuristi,filosofi e cittadini sovrani

Fase 2 “permettiamo i funerali”- Potere Esecutivo in delirio

Pandemia e analfabetismo funzionale. Contagio e Cultura

Coronavirus, fase 2: ora gioca la responsabilità individuale

Reductio ad agguatum, Nadia Urbinati & Co. e il Manifesto pro Conte

Movida e Covid19: fermatela subito o avremo una seconda ondata devastante!

Coronavirus – tutti i partiti sono indistintamente colpevoli della devastazione del Servizio Sanitario Nazionale.

Terapie intensive insufficienti ma 14 miliardi di euro sono per i 90 cacciabombardieri F35. A che gioco giocate?

Il libro sparito del Ministro Speranza è censura di Stato, distopia orwelliana.

Welcome to dystopian Italy: the Minister of Health Roberto Speranza’s missing book

Seguimi su Twitter CitizenFive  @Epistemide-

L'AUTORE
David Colantoni è poeta, scrittore, saggista pittore e artista visivo. E' autore della rivista Nuovi Argomenti, fondata da Alberto Moravia, della rivista Fermenti, e altre testate. Ha fondato e diretto il mensile di pensiero e letteratura Lettere dalla Frontiera. Insieme ad Aldo Rosselli, figlio dello storico del risorgimento Nello Rosselli e Nipote di Carlo Rosselli, di cui è stato amico e allievo per quasi 30 anni, ha fondato nel 1999 il quadrimestrale di cultura Inchiostri.  Per il cinema ha sceneggiato "Io, l'altro" 2007 , di Moshen Melliti. distribuito da 20th Century Fox. La sua Ultima esposizione come artista è avvenuta al Moscow Museum of Modern Art a giugno del 2015
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?
SOSTIENICI