Coronavirus – tutti i partiti sono indistintamente colpevoli della devastazione del Servizio Sanitario Nazionale.

Ottobre 29, 2020
david colantoni
Per leggere questo articolo ti servono: 10minuti

Ma adesso basta liti: è urgente un Governo di  Unità Nazionale, si dia forma a un Comitato di Liberazione Nazionale  rappresentativo di tutte le forze del Parlamento, esattamente come avvenne 75 anni fa.

E questo Partendo dalla fondamentale premessa che tutta la politica italiana è senza distinzione di colore atrocemente responsabile di comportamenti omissivi e irresponsabili che hanno portato al dilagare della pandemia stessa. Ora non è ammissibile ma soprattutto estremamente pericoloso per la autorità delle istituzioni e dunque per l’istituzione dello Stato, che in un momento come questo ci sia ancora formalmente  l’uomo solo al comando che prende decisioni.

Questa configurazione può suscitare e lo sta già facendo energie anti politiche distruttive.

Non si possono più  imporre altre misure straordinarie al  paese senza che queste misure non siano  frutto di una sintesi politica di un governo di unità nazionale.  La cosa è passata per il rotto della cuffia la prima volta non andrà a buon fine la seconda.

E questo è ancora più sensato considerando che la grave situazione in cui il paese si trova non è attribuibile a una parte politica ma è la conseguenze di comportamenti della politica pienamente condivisi e praticati da tutte le forze politiche che via via si sono trovate a governare con alterne vicende nel corso degli anni e che i politici di nuova generazione hanno via via ereditato e portato avanti come un meccanismo automatico di status quo.

La devastazione del Sistema Sanitario Nazionale,  sopra ogni cosa paradigma di questo assunto,  non è colpa della sola destra ne della sola sinistra ne tantomeno del centro, é una comune grave responsabilità condivisa per decenni dalla intera compagine politica, quella restata in scena, nel suo insieme.

È  stata comune incapacità della politica quella di resistere a emergenti nuovi interessi e forze, spesso di natura non elettiva e sovranazionale che hanno stornato risorse dello Stato verso altri settori avviando cosi lo smantellamento innanzi tutto del Sistema Sanitario Nazionale, a cui sono stati tagliati 350.000 posti letto , da quando fu istituito con la legge 833 sotto la presidenza della repubblica di Sandro Pertini, ad oggi.

Quel sistema sanitario se fosse stato  a regime all’inizio della pandemia ci avrebbe permesso di arginare e attraversare la crisi pandemica mondiale  senza che essa producesse la catastrofe socio economica.

È concepibile avere soli 5000 posti di terapie intensive in una nazione di 60 milioni di abitanti  come aveva l’Italia a marzo 2020? E nello stesso tempo permettersi, questa stessa nazione sguarnita di un presidio vitale come un adeguato numero di terapie intensive ogni  100.000 abitanti, di comprare 14  miliardi di euro di cacciabombardieri F35? Rispondete alle vostre coscienze.

Nessuno nè a destra nè a sinistra ne al centro, mentre si adoperava per acconsentire a questo mostruoso acquisto di armi,  di cui ho citato solo una parte, si è però battuto dal 2005 in poi per mettere in atto il Piano Pandemico nazionale, adottato quando l’Italia, dopo che il segnale lanciato dalle epidemie di  Ebola e Sars, aveva chiarito che la moltiplicazione  esponenziale della quantità e della velocità  dei trasporti,  prodotto dalla Globalizzazione,  avrebbe scatenato infine  una pandemia  come quella che stiamo vivendo, e di cui non si sapeva con certezza quando sarebbe arrivata ma non se  fosse arrivata cosa che invece era cosa certa, fu  chiamata dall’OMS  insieme a tutti gli altri stati del Mondo a prepararsi a uno scenario pandemico catastrofico

L’OMS, tutto nero su bianco, come ho documentato nei miei precedenti articoli tutti linkati alla fine, fece uno studio da cui emerse che pochissimi sistemi sanitari occidentali erano adeguati e che bisognava urgentemente prepararli in visione di una Pandemia e che le spese per adeguarli sarebbero state nulla rispetto ai costi spaventosi della crisi economica che avrebbe generato la pandemia se avesse trovato gli Stati impreparati,  i quali avrebbero pagato allora, come stiamo vedendo ora, un  costo che sarebbe stato centinaia di volte superiore.

Tutta la politica, tutti voi, da destra a sinistra da sinistra a destra sempre passando per il centro, avete ignorato questi reiterati richiami.  Nè consulenti o direttori scientifici della sanità nello Stato si sono mai dimessi per protestare che ciò non fosse ancora stato fatto. Ma non avete mai ignorato invece i richiami ad aumentare le spese militari anno dopo anno senza requie. Come mai avete sempre sentito necessario preparavi alla guerra spendendo decine di miliardi di denaro pubblico, ma avete metodicamente ignorato l’annuncio  a preparare il paese ad affrontare la pandemia che l’OMS aveva annunciato imminente?

Il fatto che questo stesso tragico schema di suicide omissioni e irresponsabilità si sia ripetuto in tutto l’occidente non attenua  certamente quello che accade in Italia, ma lo aggrava, come è evidente. Forse  non è a caso  che a capo della commissione europea abbiamo l’artefice di un massiccio aumento delle spese militari tedesche, non del sistema sanitario, la adorabile signora Ursula Von der Leyen quando era ministro della difesa.

Tale piano pandemico era l’estintore che doveva trovarsi  appeso alle pareti dello Stato Italiano , e degli altri stati europei,  strumento necessario per  spegnere il fuoco al suo principiare. Ma quando il fuoco divampò gli estintori non c’erano.  Non erano stati messi da nessuno di coloro che via via arrivati al Governo ne erano perciò giuridicamente responsabili.

Da nessuno a destra, da nessuno a sinistra, da nessuno al  centro.

Se la classe politica ora non vuole trovarsi da destra a sinistra spazzata via da una enorme onda di torbidi popolari e non, che si faranno più via via cattivi man mano che crescerà la tensione sociale  con il peggiorare della situazione socio sanitaria ed economica, e in cui,  come potremmo stare vedendo  in Francia in queste ultimissime ore,  potrebbero entrare a gamba tesa, con scopi di destabilizzazione, oscuri attori di cattive partite giocate alle periferie dei grigi contorni  della geopolitica,  e che non si saprebbe bene dove potrebbero andare a parare, attui immediatamente un Governo di Unità nazionale che non offra nessuna aderenza, per il solo fatto di esistere, a questi scenari.

Per tutti questi motivi e per altri ancora è assolutamente  necessario che tutti i partiti siano ammessi a determinare le decisioni che devono tirare fuori il paese dalla catastrofe incombente.

Democrazia Cristiana e Partito Comunista, feroci avversari ideologici ,  governarono,  ciò nonostante,  fianco a fianco nel Comitato di Liberazione Nazionale e poi scrissero insieme la Costituzione italiana. Non ci sono altri modi che questo di fare politica in situazioni emergenziali di questa portata.  

Tenere l’opposizione all’opposizione in questo momento significa spendere le già magre risorse ed energie psichiche, morali ed intellettuali  della politica italiana nello sterile e arido  scontro politico mentre il paese va alla deriva.

Lo scontro deve essere trasformato d’ufficio in incontro, l’opposizione deve essere ammessa in questo momento di crisi alla piena partecipazione a governare la Crisi,  e ad assumersi con ciò davanti al paese le responsabilità delle decisioni che usciranno da tale di  governo di unità nazionale,  che non può prendersi invece se lasciata fare nient’altro che  l’opposizione  e che, esclusa dalle decisioni necessariamente delegittimerà davanti ai   milioni di italiani che rappresenta, perché l’esclusione dalle decisioni altrimenti delegittimerebbe la loro leadership davanti ai cittadini che rappresenta,  tutto ciò aumentando il livello entropico,  disordinante,  della situazione. Non possiamo permetterci queste cose sulla pelle del paese.

La politica che in tutto il suo arco ideologico è coralmente responsabile dello sfascio infrastrutturale di un paese  nominalmente ottava potenza economica mondiale,  a cui pero crollano  viadotti autostradali in piena ora di punta, facendo morti come una bomba, o di terrorismo o di guerra,  ora deve imperativamente compiere quella V che sogna  di vedere  nella ripresa economica,  nel voltare pagina, facendo un reset delle inveterate abitudini che sono diventati vizio. Non ci sarà quella V nel rimbalzo economico se non si realizzerà prima nell’inversione della tendenza politica degli Ego-ismi.

Non esiste altra strada che un Governo di Unità Nazionale, oggi. Il folklore in politica in questo momento si paga in morti, in  centinaia di morti a settimana e alle medie distanze  con il  fallimento dell’Italia.

Gli apparati di  partito, occasione storica, oggi possono attraverso un Governo di Unità nazionale,  emendarsi  dalle pesanti responsabilità di  questa catastrofe che stiamo vivendo che tutti indistintamente e storicamente hanno sulle spalle.   

È  imperativo trasformare a partire dalla dichiarazione di un Governo di Unità nazionale, come base di una rinascita,   questa crisi in una opportunità di voltare completamente pagina nella infantile tradizione della politica italiana o saremo perduti.

Se il paese vedrà un governo di unità,  in cui gli  Ego–ismi o ismi dell’Ego ,  coltivati dalla spettacolarizzazione della politica e rilanciati da una stampa  triviale, e corresponsabile negli anni delle colpe della politica, per aver sempre lavorato per gli eletti invece che per gli elettori,  verranno finalmente  gettati alle ortiche,  dove meritano di stare, il paese reagirà nel  sostenerlo e usciremo certamente fuori dalla crisi con un paese resettato pronto ad affrontare il  XXI secolo.

Siamo un paese fino ad oggi che si è  incancrenito nelle  guerre civili di tutte le intensità possibili, fin dalla  battaglia di Azio fra Ottaviano ed Antonio, e forse ancor prima,  e  abbiamo attraversato la storia fra faide. Ma quando oggi si arriva in una terapia intensiva,  infermieri e medici  siano essi di  destra che  di sinistra o di nessuna religione politica,  tenteranno di fare tutto, a costo della loro stessa vita,  come stanno facendo,  per salvare la persona che hanno davanti senza chiedergli di che partito è.  

La politica non può essere da meno di questi cittadini che stanno lottando fianco a fianco per uno scopo senza colore politico, la salvezza, perché ora è in gioco questo, e  non tanto salvezza dal virus quanto  soprattutto dalla reazione irrazionale delle società che stanno andando nel panico.

E ora di tirare fuori ognuno il meglio che c’è in voi, è la vostra enorme occasione  di riparare i gravissimi danni che senza  nessuna distinzione di colore politico avete fatto fino ad oggi  governando ora gli uni ora gli altri.  

Se non sarete capaci di questo passaggio epocale non illudetevi di riuscire a risolvere nulla di questa crisi di cui portate storicamente la piena responsabilità per non avere adeguato l’Italia a norme scritte decenni fa proprio per evitarla, ma anzi per  averla persino  peggiorata.  

Ora alla politica Italiana si apre la possibilità irripetibile di riparare queste gravissime responsabilità innanzi tutto davanti alla storia ancor prima che davanti a un tribunale dove qualcuno dovrà necessariamente essere chiamato a rispondere dei  40.000 morti, per adesso, e del disastro economico.

Ascoltate bene un’ultima volta: Governo di Unita Nazionale subito.

Non si può escludere dalle decisioni vitali una parte di un equipaggio di una nave nella tempesta, senza scatenare a bordo una tempesta umana peggiore di quella naturale. Governo di unità e portare in salvo l’Italia.

Non è rimasto molto tempo da sprecare.

——————————————————————————————————————–

Tutti i miei interventi sulla pandemia, dal 2 marzo 2020

Coronavirus – Lo stato delle cose

Coronavirus, i punti fragili nella difesa dalla contaminazione

Coronavirus: Mani Infette, le atroci verità di una Pandemia evitabile. Necessario nuovo storico “Processo di Norimberga

Ursula Von der Leyen: Europe has burnt 3 trillion in military spending in 10 years but we are attacked by a Covid19

Impreparazione alla pandemia: chi ha sbagliato? Alla ricerca dei colpevoli…Coronavirus: un reporter-artista in conversazione “speciale” col Prof. Giovanni Rezza, Direttore Reparto Malattie Infettive Istituto Superiore Sanità italiano – LaVoce di New York 

Prove tecniche di Dittatura? Voci off di Giuristi,filosofi e cittadini sovrani

Fase 2 “permettiamo i funerali”- Potere Esecutivo in delirio

Pandemia e analfabetismo funzionale. Contagio e Cultura

Coronavirus, fase 2: ora gioca la responsabilità individuale

Reductio ad agguatum, Nadia Urbinati & Co. e il Manifesto pro Conte

Movida e Covid19: fermatela subito o avremo una seconda ondata devastante!

Seguimi su Twitter CitizenFive  @Epistemide-

L'AUTORE
David Colantoni è poeta, scrittore, saggista pittore e artista visivo. E' autore della rivista Nuovi Argomenti, fondata da Alberto Moravia, della rivista Fermenti, e altre testate. Ha fondato e diretto il mensile di pensiero e letteratura Lettere dalla Frontiera. Insieme ad Aldo Rosselli, figlio dello storico del risorgimento Nello Rosselli e Nipote di Carlo Rosselli, di cui è stato amico e allievo per quasi 30 anni, ha fondato nel 1999 il quadrimestrale di cultura Inchiostri.  Per il cinema ha sceneggiato "Io, l'altro" 2007 , di Moshen Melliti. distribuito da 20th Century Fox. La sua Ultima esposizione come artista è avvenuta al Moscow Museum of Modern Art a giugno del 2015
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?
SOSTIENICI