Bambini con gli occhi tristi, profughi di mare

Per leggere questo articolo ti servono: 1 minuto
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
27/08/2015 Aurora Scudieri 2469

Per tutta l’estate abbiamo assistito a scene di gommoni stipati di esseri umani che, per cercare un futuro, una vita, un domani, si sono lanciati in viaggi senza meta, senza spazio, senza dignità. Abbiamo visto visi stanchi, provati, feriti di uomini, di donne, di adolescenti. E ci hanno fatto male. Ma mai come quelli dei bambini. Piccoli che dovrebbero pensare solo a giocare, a divertirsi, a colorare, si sono ritrovati in barconi affollati, a lottare tra la morte e la vita, tra il mare e la terra.

Nei loro occhi ho visto quello che mai dovrebbe esserci negli occhi dei nostri figli: dolore. Gli occhi di mio figlio sono spensierati, birichini, sempre felici, alle volte capricciosi. Gli occhi dei piccoli profughi sono adulti, seri, stanchi, tristi, preoccupati.

Mi sono sempre chiesta come un genitore a prendere tra le mani il suo bambino e salire su un gommone che non sa se mai arriverà a destinazione. Ma come faccio a giudicare io che, pur vivendo in una nazione che ti offre poco, non so cosa sia la guerra, non so come si possa sentire una madre che teme che una granata possa svegliare il proprio bambino dal sonnellino pomeridiano. Sono profughi siriani, iraniani, iracheni, pachistani. Ma prima di tutto sono bimbi. Bambini che non hanno più una altalena sulla quale dondolare, un lettino nel quale riposare, una cameretta nella quale giocare.

Immagini che fanno male a chiunque, ma che commuovono una madre, che in quei bimbi vede il proprio e si chiede come sia possibile che questi bambini, già così piccoli, debbano affrontare tante difficoltà.

E questi sono quelli a cui “va bene”, quelli che ancora hanno occhi per piangere. Ci sono poi i bimbi che a destinazione non ci arrivano mai. Le loro piccole anime vagano, finalmente libere, per i mari mentre i genitori si convincono di aver fatto comunque la scelta giusta, gli eurodeputati incolpano qualcun’altro della tragedia e i cittadini razzisti e ottusi manifestano sulle coste urlando “tornate a casa vostra“. Una casa che ogni bambino del mondo avrebbe il diritto di avere, ma che non tutti, purtroppo, hanno.

L'AUTORE
In viaggio da sempre...per arrivare da te. Ogni volta che guardo mio figlio so quanto ho dovuto lottare, soffrire, perdere, per arrivare da lui. Ma ne è valsa la pena perché adesso la luce è ovunque. Racconto di noi, del percorso di Fecondazioni assistite per arrivare da lui, dei dubbi di una mamma ancora tanto inesperta, dei momenti belli e di quelli difficili che fanno parte del meraviglioso mondo della maternità. La difficoltà nel crescerlo, nel trovare un lavoro, nell'imparare ogni giorno ad essere una mamma migliore. Benvenuti nel nostro piccolo mondo "imperfetto".

Lascia un commento

SCONTI IN EVIDENZA
30€ di sconto su SeaBag.eu
50 disponibili
30 giorni
- 30 €
70€ di sconto su ScarpeCapasso.it
24 disponibili
30 giorni
- 70 €
50€ sconto per uno dei due lampadari Royal Crystal o Vetrilamp
51 disponibili
30 giorni
- 50 €
35€ di sconto su Kidshop.it
30 disponibili
30 giorni
- 35 €
50€ di sconto presso Hotel Rio di Rimini
50 disponibili
30 giorni
-50 €
Sorrento Penisula and Positano Tour
100 disponibili
30 giorni
-35 €
15 € di sconto su Hidrobrico.it
50 disponibili
30 giorni
-15 €
PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI