Marketing Genius di Pittaluga e Gallerani esclusa da “Le Fonti Awards”

Giugno 18, 2020
ALESSANDRO NORCIA
Per leggere questo articolo ti servono: 3minuti

Siamo qui per annunciarvi una notizia davvero sconvolgente, una breaking news che è arrivata come un fulmine a ciel sereno nella redazione di YOUng.

Ci è stata confermata direttamente dall’ufficio stampa di “Le Fonti” l’esclusione di Marketing Genius dalla rosa dei candidati alle prestigiose Fonti Awards per il premio di categoria “innovazione e leadership in ambito formativo e digitale” di ottobre 2020.

Per comprendere la citazione utilizzata in incipit, vi basterà guardare il video di Fabio Gallerani di seguito.

Davvero un brutto colpo per Matteo Pittaluga ed il suo socio che, con tanto orgoglio, avevano divulgato ovunque, attraverso la propria mailing list ed i canali social, il raggiungimento della tanto ambita “finale”.

A prova di quanto stiamo affermando, dato che solitamente taluni sono disposti a negare la realtà, riportiamo link promozionale di Marketing Genius ad oggi tristemente rimosso:

http://besupergenius.com/le-fonti-awards-mg/

Stupore e clamore, notizie passate come “inaspettate”, “candidature” ricevute per meriti sul campo: sempre lo stesso il modus operandi dei due ex promotori di MAP e CoinSpace che, dopo il pubbliredazionale a pagamento su Millionaire fatto passare come intervista spontanea, meno di un mese fa si erano proposti al proprio pubblico annunciando la candidatura al premio con la stessa modalità.

Il banner poi rimosso da Marketing Genius

IL CONTATTO CON “LE FONTI AWARDS”: PER CANDIDARSI, SI DEVE PAGARE

Ma noi, come sempre, non ci siamo fidati dei proclami e siamo voluti andare fino in fondo, contattando direttamente “Le Fonti”.

Ci siamo così informati sulle modalità delle candidature per la partecipazione ai loro ambiti awards e ci è stato comunicato, in massima trasparenza e correttezza, che queste ultime prima di tutto sono a pagamento. Di norma, dunque, sono “Le Fonti Awards” a contattare i candidati. Questi ultimi, se decidono di partecipare alla competizione, devono pagare un contributo. Lo stesso è successo per Marketing Genius, che ha ricevuto una mail con la notizia di selezione e che quindi era a conoscenza fin da subito della partecipazione, avendo anche pagato.

Nulla di male in tutto questo, che sia chiaro: il premio effettua comunque una selezione per i partecipanti e ci ha assicurato che non basta pagare per essere ammessi. E dunque perché, invece di comunicare in maniera trasparente e veritiera al proprio pubblico le modalità per iscriversi agli Awards, i due hanno provato a farlo passare come fulmine a ciel sereno? Come una notizia inaspettata? L’obiettivo pare sempre lo stesso: fregiarsi di una spilla, un riconoscimento, un logo; qualsiasi cosa da inserire su landing page e siti per aumentare il prestigio del proprio brand.

LA DECISIONE DEL COMITATO SCIENTIFICO: MARKETING GENIUS ESCLUSA!

Dopo aver analizzato la nostra inchiesta sul duo Pittaluga-Gallerani, corredata (come sempre) da prove e testimonianze sul loro passato e sulle varie pratiche ingannevoli messe in atto, e dopo essersi confrontati con il proprio Comitato Scientifico, composto da esperti nel settore accademico, finanziario, imprenditoriale e nel campo legale, Le Fonti Awards hanno confermato l’esclusione di Marketing Genius.

Una decisione senz’altro coraggiosa, che ha voluto mettere l’etica, la reputazione e la professionalità in primo piano rispetto. Dimostrando come forse non basti (più) pagare per ricevere riconoscimenti.

Le recenti diffide presentate contro il direttore di questo giornale per vie traverse (e scorrette), nonché le odiose minacce di querele in sede sia civile che penale non ci hanno per nulla spaventati. Anzi, dati anche i contenuti meramente minatori e del tutto vaghi, hanno semmai confermato quanto di buono stiamo facendo: i loro ban e i nostri commenti cancellati palesano poi la decisione di non affrontare un confronto aperto e democratico per smentire quanto da noi raccolto, testimoniato e dimostrato.

La loro esclusione è l’ennesimo fiore all’occhiello che dimostra quanto di buono stiamo facendo per divulgare una nuova cultura del fact checking e dell’approfondimento giornalistico.

Dopo l’esclusione di Emanuele Callori come relatore da Affiliate Expo 2020 grazie alla nostra inchiesta, un nuovo importante risultato ottenuto dal nostro lavoro d’inchiesta, che non ha alcun fine se non quello di rendere il web ed in generale il settore della comunicazione, della formazione e del marketing più credibile, sicuro e trasparente.

Di Alessandro Norcia e Germano Milite

L'AUTORE
Agente consolare certificato in giornalismo investigativo, esperto nell'identificazione di truffe online e di schemi piramidali. Admin della community "Il gatto e la volpe nel web" e da sempre contro le ingiustizie ed i fuffa guru della rete.
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?
SOSTIENICI