Il M5S e la parabola del reddito di cittadinanza

Per leggere questo articolo ti servono: 1 minuto
CONDIVIDI
  • 139
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
    141
    Shares
15/01/2019 Emiliano Rubbi 675

Secondo me, la parabola del M5S la possiamo descrivere più o meno così.

All’inizio, prima del marzo 2018, il reddito di cittadinanza era una cosa semplicissima da fare: bastava tagliare gli sprechi della pubblica amministrazione, gli stipendi dei parlamentari, tagliare le partecipate et voilà, I FONDI CI SONO.

Il modello era la Finlandia.
Se ce l’hanno fatta loro, figuriamoci se non ce la possiamo fare noi.
E non si capiva bene a chi sarebbe andato questo reddito, ma la maggior parte dei grillini, quando venivano intervistati, lasciavano intendere che sarebbe stata una cosa valida un po’ per tutti, almeno per tutti quelli con un reddito basso.

Poi, il M5S vinse le elezioni.
E si scoprì che i famosi soldi “che ci sono”, in realtà, non c’erano.
E pure che i famosi “tagli” non erano così semplici da fare, oltre ad essere largamente insufficienti a garantire i fondi per il RDC.
Quindi si decise di fare lo stesso il reddito di cittadinanza, ma a debito.
Cioè usando soldi che non avevamo, chiedendoli in prestito.

Nel frattempo, la Finlandia, il modello grillino, cancellava il reddito di cittadinanza, ritenendolo insostenibile.

D’un tratto, il RDC divenne tipo una “social card”: “si, puoi usare quei soldi, ma non per farci quello che vuoi tu, solo per i generi di prima necessità e per l’affitto” – “sì, li puoi spendere, ma solo nei negozi che ti indichiamo noi e per comprare quello che diciamo noi”.
E, soprattutto, divenne vincolato a una serie di norme specifiche, ma talmente specifiche da renderlo disponibile per pochissimi: puoi accedere al RDC se sei disoccupato, non vivi con i tuoi, quelli che vivono con te non hanno reddito, non hai una casa di proprietà, se rifiuti più di 3 lavori che ti offriamo lo perdi, se rifiuti un impiego dopo 12 mesi che non lavori lo perdi e via dicendo.

In pratica, per accedere al reddito di cittadinanza devi essere un completo indigente che, chissà come, fino a oggi pagava regolarmente un affitto.

E omettono di dire che, anche così, i fondi per mantenerlo operativo bastano a malapena per un anno.

SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI
L'AUTORE
Sono principalmente un produttore discografico, ma anche uno sceneggiatore e una persona interessata alle dinamiche sociali. Parlare di musica di solito mi annoia, quella preferisco farla e ascoltarla, quindi parlo di altro, ma sempre dal mio parzialissimo punto di vista

Lascia un commento

SCONTI IN EVIDENZA
Una settimana a 4 stelle in Puglia
ANCORA POCHI RIMASTI!
-215€
Vacanze per tutta la famiglia in villaggio 4* a Sibari (CS)
ANCORA POCHI RIMASTI!
-60€
12€ di sconto su Reyna Cosmetics!
ANCORA POCHI RIMASTI!
-12€
Seduta trattamento viso a 53 € invece di 90
ANCORA POCHI RIMASTI!
150 crediti
Calendario formato XL Colorland a soli 6,49€ invece di 49,90
ANCORA POCHI RIMASTI!
-61%
Zainetto “business lock” a soli 34€ invece di 46€
ANCORA POCHI RIMASTI!
-15%
29€ per menù di coppia al suggestivo ristorante “Torre in pietra”
ANCORA POCHI RIMASTI!
-40€
PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI