Comore: passa il referendum del presidente Azali Assoumani

Per leggere questo articolo ti servono: 1 minuto
CONDIVIDI
  • 32
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
    34
    Shares
02/08/2018 Giulio Chinappi

Situata nell’Oceano Indiano, a nord-ovest delle coste del Madagascar e ad est di quelle del Mozambico, l’Unione delle Comore è uno stato arcipelagico formato da tre isole (Grande Comore, Moheli e Anjouan) che raggiunse l’indipendenza dalla Francia nel 1975. Abitato da circa 734.000 persone, per una superficie totale di poco più di duemila chilometri quadrati, questo piccolo Paese africano ha vissuto momenti difficili nella sua storia recente, con le due isole minori, Moheli e Anjouan, che a turno hanno reclamato l’indipendenza dal governo di Moroni, il quale, dal canto suo, ha risposto con interventi militari. Anche questi eventi hanno portato il Paese a modifcare la propria costituzione in senso federalista, cambiando nome nel 2002 da Repubblica Federale Islamica delle Comore all’attuale Unione delle Comore, e modificando anche la bandiera dello Stato.

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti.

Storico uomo politico dell’arcipelago, il cinquantanovenne Azali Assoumani ha ricoperto il ruolo di presidente già del 1999 al 2011 e, interrotto da una breve presidenza ad interim di Hamada Madi Bolero, dal 2001 al 2006. Dopo due mandati quinquennali da parte degli esponenti del Movimento Baobab (MB – Mouvement Baobab), nel 2016 il leader della Convenzione per il Rinnovamento delle Comore (CRC – Convention pour le Renouveau des Comores), una forza socialdemocratica, ha ottenuto il suo terzo mandato come capo di Stato dell’Unione delle Comore.

Secondo la Costituzione delle Comore del 2002, l’ufficio della presidenza deve rotare tra le tre isole che formano l’arcipelago, cosa che dunque non permetterebbe ad Assoumani di ottenere un nuovo mandato quinquennale prima del 2031. Il capo di Stato in carica ha invece proposto un referendum al fine di cancellare la rotazione e di eliminare ogni limite nel numero dei mandati presidenziali. Con un’affluenza alle urne del 63.9%, l’esito del referendum è stato favorevole alla proposta di Assoumani, che ha raccolto il 92.81% dei consensi.

Eletto nel 2016, Assoumani sarebbe dovuto restare in carica fino al 2021, ma, come promesso, convocherà le elezioni anticipate nel 2019, candidandosi alla sua stessa successione. Visto l’esito del referendum, c’è da pensare che non avrà problemi a confermarsi alla guida delle Comore.

di GIULIO CHINAPPI

L'AUTORE
Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato in "Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale" all'Università "La Sapienza" di Roma, e successivamente in "Scienze della Popolazione e dello Sviluppo" presso l'Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate online. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro, "Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam", Paese nel quale risiede tuttora.

Lascia un commento

SCONTI IN EVIDENZA
Una settimana a 4 stelle in Puglia
ANCORA POCHI RIMASTI!
-215€
Vacanze per tutta la famiglia in villaggio 4* a Sibari (CS)
ANCORA POCHI RIMASTI!
-60€
12€ di sconto su Reyna Cosmetics!
ANCORA POCHI RIMASTI!
-12€
Seduta trattamento viso a 53 € invece di 90
ANCORA POCHI RIMASTI!
150 crediti
Sharebook Colorland a soli 3,99€ invece di 12€!
ANCORA POCHI RIMASTI!
Zainetto “business lock” a soli 34€ invece di 46€
ANCORA POCHI RIMASTI!
-15%
29€ per menù di coppia al suggestivo ristorante “Torre in pietra”
ANCORA POCHI RIMASTI!
-40€
PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI