Il Barbiere di Siviglia e l’Orchestra Notturna Clandestina

Febbraio 25, 2016
david colantoni
Per leggere questo articolo ti servono: 5minuti
Gioachino Rossini fotografato nel 1865 da Étienne Carjat

Il barbiere di Siviglia : il compositore Gioachino Rossini fotografato nel 1865 da Étienne Carjat

Il Barbiere di Siviglia: Venerdi 26 ore 22.00 – Orchestra Notturna Clandestina presso il Nuovo Cinema Palazzo a Roma.

Antefatto : il Barbiere di Siviglia esattamente  200 anni fa, nel febbraio del  1816,  prima di diventare un capolavoro mondiale della musica, subì  al suo debutto al Teatro Argentina l’onta dei fischi  del pubblico romano.  Esattamente 200 anni dopo quella sera Il  Barbiere di Siviglia   sarà eseguito domani sera a Roma  da uno straordinario ensemble musicale  l’Orchestra Notturna Clandestina.
Saranno eseguite molte delle parti salienti dell’opera di Rossini dalla Orchestra Notturna Clandestina, orchestra importante che incarna il progetto nato tra Il direttore Enrico Melozzi, Musicista, produttore  e compositore eclettico, ma soprattutto uomo di spettacolo  ricordiamo qui il suo Pinocchio – The Ballet,  per le coreografie di Ivan Cavallari e le scene di Edoardo Sanchi. Prodotto da Steven Roth per il West Australian Ballet, prima assoluta a Perth, His Majestic Theatre, 22 settembre 2012- Melozzi è  anche molto conosciuto per aver suonato tempo addietro nel ensemble dei “100 violoncellisti” fondato dal violoncellista Giovanni Sollima, quest’ultimo uno dei maggiori interpreti mondiali contemporanei del suo strumento, nonchè egli stesso compositore -ricordiamo la sua ultima opera “Antidotum tarantulae XXI”, che Riccardo Muti e la Chicago Symphony Orchestra hanno eseguito a Chicago nel 2015– , 

Natalia Pavlova, Enrico Melozzi e la Orchestra Notturna Clandestina durante le prove

Natalia Pavlova, e l’ Orchestra Notturna Clandestina durante le prove

.I musicisti  –ad aprile lo stesso Giovanni Sollima sarà  a Roma per suonare  a cinema palazzo con l’O.N.C.  un concerto- tutti di primissimo ordine, che compongono l’Orchestra Notturna Clandestina sono  al momento, oltre al Direttore Enrico Melozzi,  Lorenzo Marquez violino, Valerio Losito violino viola d’amore , Roberta Lioy violino, Leila Schirvani Cello, Chiara Burattini Cello, Riccardo Savinelli Viola,  Adelaide Pizzi Viola, Giuseppe Civiletti Contrabbasso,  Elisabetta Matteitrombone, MassimoRanieri Oboe Angelo Principessa Corno ingleseLuca Nostro Chitarra Oriana Santini ClarinettiGiustina Marta Flauto in sol Francesca Raponi Flauto Ludovico D’Ignazio ottavino, João Tavares Filho piano.  

0515da239cafe4724416bbf086d856f0

Angelo Nardinocchi nel Turandot

Per quanto riguarda il concerto di Domani canteranno Solisti di grande bravura  quali il baritono Angelo Nardinocchi,  che ha cantato in tutti i maggiori Teatri italiani, affiancando alcuni tra i più grandi interpreti  di sempre come Pavarotti al “S.Carlo” nel “Ballo in maschera”, Placido Domingo nell’”Otello” all’Arena di Verona e nella Fedora al Teatro dell’Opera di Roma, con Mirella Freni a Bologna sempre nella “Fedora”, andando  in tournée con il Teatro dell’Opera di Roma in Giappone e in Germania con “Tosca” e “Traviata”, partecipando  alla produzione di “Carmen” con la regia di Zeffirelli all’Arena di Verona, dove si trova spesso impegnato,  inaugurando  la stagione ‘96-’97 del Teatro S.Carlo con la Tosca insieme a Luciano Pavarotti, e cantando  a Genova, Torino, Bologna Palermo, Firenze, Trieste, Catania, Verona sotto la direzione dei più grandi direttori come Metha, Muti, Oren, Arena. Insomma un grande musicista che è venuto a supportare con la propria arte il progetto della Orchestra Notturna Clandestina e a  allo stesso tempo a rendere omaggio al Grande Rossini.

12509361_10153480314943515_4053725725676305590_n

Natalia Pavlova

E poi ecco Natalia Pavlova giovane cantante lirica, soprano e attrice teatrale, discendente diretta del poeta A.Puskin,   Laureata presso il Chaikovsky Conservatorium di Stato a Mosca in canto lirico, e che ha conseguito dopo altri 3 anni di studio il master con il professor KG Kadinskaya. 1998-2012 – allieva della cantante e professoressa GM Troyanova del Mozarteum di Salisburgo, scomparsa questo anno e a cui era profondamente legata, e con il professor PA Kudriavchenko,  è stata vincitrice del concorso internazionale Festos nel 2008 , ed è anche diplomata presso la Scuola Internazionale di capacità vocale presso l’Accademia di “Santa Croce” di Trieste. Natalia E’ inoltre solista del Filarmonium di Mosca e del  teatro lirico per i giovani cantanti di Mosca. Si è esibita sul palco come Violetta nella Traviata e con ulteriori importanti ruoli presso varie sedi artistiche: Teatro dell’Opera del Chaikovsky Conservatorium di Stato di Mosca, Auditorium del Duomo a Firenze, a Venezia, a Roma, al Teatro dell’opera di Volterra,  al festival 11 lune a Peccioli e altro, nel ruolo della Contessa nelle  Nozze di Figaro, Iolanta in Iolanta, Mimì in La Bohème al Teatro dell’Opera del conservatorium di Mosca, Elvira nel Don Giovanni per l’ Accademia di “Santa Croce” in Trieste e altri ancora. Si è esibita come Ksenia nel Boris Godunov di Prokofiev con l’orchestra di Stato di Russia con il maestro Vladimir Yurovsky nella Sala Chaikovsky a Mosca, nella  mono opera “In attesa” di Tariverdiev, e “la voce umana” di Poulenc,  al Teatro lirico per I Giovanni cantanti di Mosca, è stata diretta da Giovanni Sollima nella Bachiana di Villalobos, durante il “festival internazionale dei maestri della musica” nel conservatorio di Mosca. Anche  Attrice,  dal 2006 al 2013, Natalia Pavlova ha fatto parte della compagnia stabile del teatro “Scuola d’Arte Drammatica” di Anatoli  Vasiliev, con il quale è legata da profonda amicizia, uno dei grandi teorici e registi mondiali del teatro , ancora molto attivo in tutto il mondo.   Come attrice e cantante si è esibita ne “Il convitato di pietra,o Don Giovanni è morto” , A.A. Vasiliev, regista, e in “Gibraltar” e in “Lettere” mono spettacolo di opera lirica, scritto da lei  stessa, con arie di Verdi, Rossini, Puccini,  e diretto dal regista K. Mishin, e in molti altri lavori.

il Baritono Giorgio

il Baritono Giorgio Carli

E infine  Giorgio Carli baritono egli stesso, che  Recentemente e’ stato scelto per interpretare il giovane Pavarotti nella  docu-fiction “Pavarotti la voce degli angeli” andato in onda sulla Rai. e che nel 2011 ha cantato con Bruno Pratico’ una serie di concerti di arie e duetti Rossiniani per il teatro Torre del lago Puccini, ha poi  cantato per il Teatro Dell’Opera di Roma, nel dipartimento della didattica e formazione Don Pasquale di Gaetano Donizetti nel ruolo di Malatesta. Ha svolto e svolge un’intensa attività operistica e concertistica al fianco di Katia Ricciarelli, Donata D’Annunzio Lombardi, Maria Pia Ionata, Luca Canonici, Giuseppe Taddei, Jose Sempere, Lando Bartolini,Vincenzo  La Scola ,Giorgio Gatti, Angelo Veccia, Giorgio Casciarri, Silvano Carroli,Mauro Utzeri,Gianfranco Cecchele, Angelo Romero, Gianluca Terranova, Bruno Pratico’.

E così domani  venerdi 26 febbraio alle ore 22.00, con i soli 5 euro di un biglietto politico – al Teatro Argentina ci vogliono anche 105 euro per  ascoltare Rossini in questi giorni–  nel bellissimo teatro   Nuovo Cinema Palazzo nel village di  San Lorenzo,  cuore pulsante dell’underground musicale,  artistico ed intellettuale metropolitano, tra artisti che dell’arte ne hanno fatto un credo assoluto, una dimensione ontologica e una dimensione dell’esistere, chiunque potrà godere della musica di Rossini e della travolgente energia di questi musicisti, di questa Orchestra straordinaria,  di questo quartiere e di questo teatro vivo e respirante. 

Eccomi all’uscita delle prove,  incontro la soprano Natalia Pavlova  che bellissima  e ridente  tra gli altri musicisti mi apostrofa cosi “diceva Rossini -divertiamoci , la vita è un gioco che svanisce come un bicchiere di champagne-” dentro i musicisti  ancora provano, andranno tardi fino a notte.

 

L'AUTORE
David Colantoni è poeta, scrittore, saggista pittore e artista visivo. E' autore della rivista Nuovi Argomenti, fondata da Alberto Moravia, della rivista Fermenti, e altre testate. Ha fondato e diretto il mensile di pensiero e letteratura Lettere dalla Frontiera. Insieme ad Aldo Rosselli, figlio dello storico del risorgimento Nello Rosselli e Nipote di Carlo Rosselli, di cui è stato amico e allievo per quasi 30 anni, ha fondato nel 1999 il quadrimestrale di cultura Inchiostri.  Per il cinema ha sceneggiato "Io, l'altro" 2007 , di Moshen Melliti. distribuito da 20th Century Fox. La sua Ultima esposizione come artista è avvenuta al Moscow Museum of Modern Art a giugno del 2015
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?
SOSTIENICI