“Un amore immaginario”

Per leggere questo articolo ti servono: 3 minuti
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
20/05/2019 Rosanna Gaddi

Eccoli.
Sono uno accanto all’altra, entrambi distratti dal vento che soffia, incurante dei pensieri. Osservano i lenti movimenti della bianca imbarcazione. Ascoltano i rumori dei motori. Restano fermi in attesa di partire.

Lei ha lunghi capelli castani raccolti in una treccia, occhi grandi e marroni, labbra sottili e un naso severo. È bella, di una bellezza inconsapevole e semplice, seria e ammaliatrice. Indossa un cappotto nero su un abito lungo a camicia con stampe di peonie rosse e un paio di anfibi neri. Le sue dita sono adornate da un infinito numeri di anelli, come infiniti sono i piccoli orecchini di perle nere alle orecchie. Si intravede un tatuaggio spuntare dalla nuca, un punto interrogativo nascosto dalla treccia. Una sottile linea di matita nera le trucca gli occhi e nulla più. Sembra disegnata, irreale, senza possedere la concezione del tempo.

Lui è alto, robusto, occhi azzurri e labbra carnose. Le sue mani lunghe e forti danno una sensazione di accorta protezione. La sua giacca blu e il jeans chiaro lo riportano ad anni passati, come la sciarpa di lino azzurro mare e i mocassini color cuoio. I capelli castani un po’ lunghi e mossi gli danno un’età minore della sua. Sembra pensieroso, pesante, senza possedere il concetto della calma.

Si guardano intorno.
È tutto pronto.
Si incamminano.
Lei ha un borsone di pelle rossa, lui un trolley di stoffa cifrata.

I due protagonisti spariscono tra la folla.

Prendo posto altrove, di fronte a un finestrino.
Mi addormento guardando il mare fondersi col cielo, in un unico manto blu scuro, in cui stelle e luna si inseguono in una falsa immobilità.

Nel silenzio della notte immagino la loro storia d’amore e di passione lungo i corridoi della nave che li porterà verso la terra di Circe.

Mi pare quasi di vederli e di sentire le loro risate.
Le mani possenti del giovane Vesuvio accarezzare le forme sinuose della bella sirena Capri e stringerla a sé.
La sua serietà annullarsi in un dolce sorriso accondiscendente e sciogliere i capelli in bei riccioli, mentre le due bocche si inseguono lungo la pelle, sorpassando il marchio, andando oltre chiome morbide e profumate.
Peonie rosse tuffarsi nella limpidezza del mare partenopeo sorvolato da stormi di gabbiani che spuntano all’alba tra i banchi di nuvole, partiti dalla roccia dei faraglioni.

E se lui dovesse andar via come Ulisse e lei restare sola, dovrà forse continuare il viaggio notturno guidata dal canto delle sue compagne metà dee e metà donne?
E se lui non riuscisse a rispondere all’interrogativo femmineo lasciandola preda dei suoi dubbi?
E se fosse lei a fare una riprovevole magia e a cambiare in mostro marino chi ferma lo sguardo sul suo amato?
E se lei pretendesse di vivere in luoghi remoti, non civilizzati, tra la fitta macchia e la selva, trasformando lupi e leoni in animali mansueti e lui non fosse capace di sopportare?

Quanti interrogativi!

Intanto le onde mi cullano nelle braccia di Morfeo e il mattino entra prepotente tra le ciglia spingendomi a uscire sul pontile.
Il vento si è calmato lasciando i sogni al loro posto e le speranze andare oltre le nuvole.
Il sole sorride ai riflessi dei pesci e intravedo figure indefinite salutarmi dalla profondità marina.

Approdo.

Eccoli.
Lui va via vinto dalla paura della lucentezza, lei scappa guidata dall’inganno come difesa.
Ognuno è da solo con la propria solitudine, ancora una volta distratti dal proprio ego, lasciando la possibilità di un incontro a un semplice arrivederci.

Ho sperato nella realtà, o, perlomeno, in quella immaginata.

Avevo dimenticato che la realtà cambia a seconda di come la si osserva, come il gatto di Schroendinger.

Chiuderò gli occhi e ricomincerò.

La prossima volta andrà meglio.

L'AUTORE
Laureata in Storia & Filosofia. Insegnante di Scuola dell’Infanzia. Scrive favole per bambini, racconti e romanzi. Sindacalista per vocazione, chitarrista per passione, cura rassegne di cortometraggi e collabora con critici e artisti. Ha pubblicato una raccolta di favole “Un Totem da Favola” e un romanzo intimista “Diario Terapeutico del Male”.

Lascia un commento

PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI