Madagascar: le elezioni presidenziali vanno al ballottaggio

Per leggere questo articolo ti servono: 2 minuti
CONDIVIDI
  • 38
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    38
    Shares
17/11/2018 Giulio Chinappi 1663

Quarta isola più grande al mondo, il Madagascar ha vissuto il primo turno delle elezioni presidenziali nella giornata di mercoledì 7 novembre. Poiché nessuno dei candidati ha superato il 50% dei consensi, la scelta del nuovo capo di Stato dovrà attendere il secondo turno, previsto per il 19 dicembre. L’affluenza alle urne è stata pari al 52.38%, mentre al momento sono stati ufficializzati i risultati per il 92% delle sezioni elettorali dell’isola. I dati che riporteremo di seguito, dunque, non sono definitivi, ma saranno soggetti a variazioni minime e non determinanti per l’esito di questo primo turno.

Le elezioni hanno avuto luogo in vista del termine del mandato di Hery Rajaonarimampianina, in carica dal 2014, dopo aver vinto le elezioni con una lista a lui dedicata (Hery Vaovao ho an’i Madagasikara). Con il suo nome completo di Hery Martial Rajaonarimampianina Rakotoarimanana, l’oggi cinquantanovenne divenne in quell’occasione il capo di Stato con il nome più lungo al mondo. Ex ministro delle Finanze, Rajaonarimampianina ha presentato le proprie dimissioni nel mese di settembre, come previsto dalla Costituzione malgascia, secondo la quale il presidente in carica deve dimettersi almeno due mesi prima delle elezioni se ha intenzione di ricandidarsi. Per questa ragione, Rivo Rakotovao ha assunto l’incarico ad interim, che conserverà fino all’inizio del prossimo mandato.

In realtà, Rajaonarimampianina aveva dovuto il proprio successo alle precedenti elezioni all’investitura ricevuta per mano di Andry Rajoelina, già presidente dal 2009 al 2014 del governo detto di “alta autorità transizionale”, organizzato per assicurare la transizione dopo l’effimero governo militare, durato solamente un giorno, guidato dal vice-ammiraglio Hyppolite Ramaroson nel marzo del 2009. In quell’occasione, Rajaonarimampianina era entrato nel governo come ministro delle Finanze di Rajoelina, che poi lo aveva scelto per raccogliere la propria eredità allo svolgimento delle prime elezioni dopo la breve presidenza Ramaroson.

Questa volta, però, Andry Rajoelina si è messo in gioco in prima persona con la lista Giovani Malgasci Determinati (Tanora malaGasy Vonona, TGV), raccogliendo ottimi consensi in occasione del primo turno, chiuso al comando con il 39.58% dei suffragi. Il ritorno in prima fila di Rajoelina ha, di conseguenza, sancito la condanna di Rajaonarimampianina, che invece si è fermato all’8.81%.

Al secondo turno, invece, Rajoelina dovrà vedersela con un altro ex presidente, Marc Ravalomanana, che ha ricoperto l’incarico dal 2002 al 2009. Il sessantottenne era stato allora eletto e poi riconfermato per un secondo mandato nel 2006, ma era stato successivamente costretto ad abbandonare il timone dell’isola dopo una serie di scandali che lo avevano visto coinvolto. In particolare, Ravalomanana stipulò nel 2008 un accordo con la multinazionale sudcoreana Daewoo Logistics per la cessione della metà delle terre arabili del Paese, da dedicare alla coltura di olio di palma e di mais. Fu questo episodio, classico esempio di accaparramento di terre nei Paesi in via di sviluppo, a decretare la fine della sua presidenza ed il colpo di stato operato da Ramaroson.

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti.

Il passato, tuttavia, sembra essere stato dimenticato dall’elettorato malgascio, che ha premiato Ravalomanana e la sua lista Io Amo il Madagascar (Tiako I Madagasikara, TIM) con il 34.53% dei consensi. In termini assoluti, poco più di ventimila voti hanno separato Rajoelina e Ravalomanana, lasciando aperta la sfida per il secondo turno, anche se il favorito sarà comunque Rajoelina, che dovrebbe poter contare anche sull’appoggio dell’elettorato del presidente uscente Rajaonarimampianina.

di GIULIO CHINAPPI

L'AUTORE
Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato in "Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale" all'Università "La Sapienza" di Roma, e successivamente in "Scienze della Popolazione e dello Sviluppo" presso l'Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate online. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro, "Educazione e socializzazione dei bambini in Vietnam", Paese nel quale risiede tuttora.

Lascia un commento

SCONTI IN EVIDENZA
Una settimana a 4 stelle in Puglia
ANCORA POCHI RIMASTI!
-215€
Vacanze per tutta la famiglia in villaggio 4* a Sibari (CS)
ANCORA POCHI RIMASTI!
-60€
12€ di sconto su Reyna Cosmetics!
ANCORA POCHI RIMASTI!
-12€
Seduta trattamento viso a 53 € invece di 90
ANCORA POCHI RIMASTI!
150 crediti
Calendario formato XL Colorland a soli 6,49€ invece di 49,90
ANCORA POCHI RIMASTI!
-61%
Zainetto “business lock” a soli 34€ invece di 46€
ANCORA POCHI RIMASTI!
-15%
29€ per menù di coppia al suggestivo ristorante “Torre in pietra”
ANCORA POCHI RIMASTI!
-40€
PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI