Oggi i dati ISTAT su occupati e disoccupazione: Renzi esulta ma la realtà è diversa

Per leggere questo articolo ti servono: 2 minuti
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
29/07/2016 Mattia Cataldo 3316

Poche ore fa sono stati pubblicati i dati ISTAT relativi agli occupati e alla disoccupazione nell’ultimo mese. I numeri diramati, che possono essere interpretati in diversi modi, sono facilmente manipolabili a scopo politico.

I DATI – La stima degli occupati, relativa a giugno 2016, è aumentata dello 0,3% (con 71mila persone occupate in più) e segue il trend positivo degli ultimi mesi.
Su base annuale gli occupati hanno segno positivo (+1,5%) con una crescita attribuibile sia ai dipendenti (+ 246 mila) sia agli indipendenti (+83mila). Per quanto riguarda il tipo di occupazione, la stima dei dipendenti a giugno è stabile, mentre gli indipendenti aumentano dell’1,4%. Da segnalare l’aumento della disoccupazione, che sale all’11,6% (+0,1%) e diminuisce per i giovani dai 15 ai 24 anni (-0,3%), e il minor numero di inattivi (-0,4%) con il tasso di inattività che scende al 35,1%. Nel trimestre aprile-giugno l’aumento degli occupati (+0,6%) è associato ad un calo degli inattivi.

IL TWEET DI RENZI…. – I dati ISTAT sono stati accolti con entusiasmo da Matteo Renzi. Il premier, attraverso Twitter, ha elogiato il tanto criticato Jobs Act. Questo il tweet del Presidente del Consiglio:

…E LA REALTÀ – La realtà è ben diversa ed è stata testimoniata dai dati relativi ai primi mesi del 2016. Secondo le rilevazioni del primo quadrimestre di quest’anno, al calare degli incentivi sono calate le assunzioni e il saldo positivo tra assunzioni e cessazioni è stato di sole 73mila unità, numero esiguo rispetto al saldo dei primi mesi del 2015. I dati che invece leggiamo oggi, sono probabilmente “drogati” dal boom dei voucher e potrebbero essere mal interpretati a causa del significato della parola “occupati”. I voucher, che sono dei buoni dal valore nominale di 10 euro (il cui corrispettivo netto è 7,50 euro), sono stati contestati dai sindacati che affermano a gran voce: “non combattono il precariato”. Per capire la portata dell’utilizzo dei buoni – lavoro, basta leggere che nel primo quadrimestre del 2016 il loro utilizzo è cresciuto del 43,1% rispetto allo stesso periodo del 2015. Questi buoni hanno un peso non indifferente nei dati relativi all’occupazione e non consentono una visione veritiera della situazione attuale. Per quanto riguarda invece la categoria degli occupati, vengono collocate “tutte le persone di 15 anni e più che nella settimana di riferimento hanno svolto almeno un’ora di lavoro in una qualsiasi attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura, che hanno svolto almeno un’ora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente e che sono assenti dal lavoro”.

Una volta capito il vero significato di “occupati”, il quadro che ci viene mostrato dal documento dell’ISTAT diventa molto più chiaro e preoccupante e ci fa vedere come la famosa “ripresa” del mercato del lavoro sia una cosa al momento poco tangibile e lontana.

DISOCCUPAZIONE STRUTTURALE – Il livello di disoccupazione, nonostante il Jobs Act e i provvedimenti relativi al mercato del lavoro,  rimane sempre alto. Non è una novità questo dato, soprattutto per coloro che hanno mosso pesanti critiche alle misure dello Stato e dell’Eurozona. Le politiche di austerità e un rilancio del mercato del lavoro mai attuato hanno causato questa stagnazione dalla quale ora non è più facile uscire.

 

L'AUTORE

Lascia un commento

SCONTI IN EVIDENZA
42€ per 3 POSTER D’AUTORE SU SLURPDESIGN.IT
ANCORA POCHI RIMASTI!
-15 €
Video promozionale professionale a soli 1000€!
ANCORA POCHI RIMASTI!
-500€
Videoclip musicale professionale
ANCORA POCHI RIMASTI!
-500
KIT viso Setarè a soli €31,90
ANCORA POCHI RIMASTI!
- 12 €
Dr Taffi seno plus&up a 36€!
ANCORA POCHI RIMASTI!
- 12 €
25€ per kit shampoo,balsamo e cristalli naturali K-Hair Alkemilla
ANCORA POCHI RIMASTI!
- 12 €
Sistema di sicurezza domestica a 1240€!
ANCORA POCHI RIMASTI!
-200€
PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI