Come fissare in modo sicuro e ordinato cavi e fili in casa

Per leggere questo articolo ti servono: 2 minuti
CONDIVIDI
27/03/2020 YOUngTips

PUBBLIREDAZIONALE

In casa ci sono tantissimi dispositivi elettrici: elettrodomestici, computer e lampade, i cui cavi spesso si attorcigliano tra loro diventando potenzialmente pericolosi. Inoltre, si ricorre spesso alle ciabatte, che consentono di collegare più apparecchi contemporaneamente approfittando di un’unica presa di corrente. Ma esistono metodi per tenere ordinati (e quindi in sicurezza) i cavi elettrici, ad esempio guaine e fascette. Su rs components online è possibile trovare una selezione di accorgimenti di vario genere, tutti validi, da ordinare e ricevere direttamente alla propria abitazione grazie a pochi clic.

Può capitare anche di dover saldare insieme dei cavi, per ovviare a fili parzialmente scoperti: in questo caso sono molto utili le guaine termorestringenti, così chiamate perché con un calore di almeno 70 gradi centigradi diminuiscono le loro dimensioni fino a un terzo “sigillando”, letteralmente, la giunzione. Si trovano in comodi rotoli da diversi metri e possono essere ritagliate a seconda delle necessità, ricoprendo anche superfici dal profilo irregolare. Il materiale principale di tale guaina è un derivato del polietilene, la poliolefina flessibile: altamente isolante, risulta anche resistente a range di calore che vanno dai – 55 ai + 135 gradi e non si rovina se viene a contatto con solventi. Non è soggetta ad abrasioni e si restringe rapidamente. La sua funzione, quindi, non sarà solo quella protettiva dagli agenti esterni, ma anche riparatrice e identificativa di gruppi di cavi specifici.

Versatili ed estremamente flessibili sono anche le fascette serracavo, anch’esse disponibili in vari colori e misure. Sono realizzate in nylon e si possono regolare per raggruppare gruppi più o meno larghi di cavi, creando una sorta di cappio che può essere bloccato tramite l’apposita chiusura. Potendo essere applicate anche in condizioni estreme (da -40 a +85 gradi centigradi), queste fascette possono essere impiegate non solo per minimizzare i grovigli di pericolosi fili dietro al computer o collegati alla ciabatta in camera da letto, ma anche per appendere oggetti od organizzarli in maniera ordinata. Esistono due diverse tipologie di fascette serracavo: quelle monouso e quelle riutilizzabili. Ogni fascetta, comunque, presenta un interno dentellato che consente di stringerla o allentarla, ma è anche evidente che ripetere questa operazione per troppe volte, col tempo può deteriorarla diminuendone l’efficacia. Il nylon comunque non è l’unico materiale in cui sono realizzate le fascette: vi sono quelle che si richiudono col velcro o col nastro adesivo, ma anche in acciaio per impieghi più pesanti.

I cavi possono anche dover passare attraverso fori effettuati con trapani o altri attrezzi e non è bene lasciarli liberi di venire a contatto con superfici così irregolari: a tale scopo, si utilizzano i cosiddetti pressacavo, elementi in materiale plastico che possono “ospitare” il passaggio di gruppi di cavi offrendo un appoggio liscio e adeguato. Il loro grado di protezione è certificato IP 68, il che significa che non solo impediscono alla polvere di penetrare nei cavi, ma anche all’acqua. Al fine di fissare dei cavi su un muro o altra superficie piana, inoltre, esistono anche supporti autoadesivi di facile applicazione ed estremamente resistenti, costituiti di nylon 66; quest’ultimo è più rigido e resistente rispetto al nylon tradizionale e non modifica il suo volume in condizioni di temperature estreme.

Grazie a tutti questi strumenti è possibile mettere in sicurezza fasci di cavi più o meno importanti in ogni ambiente senza tralasciare il senso di ordine che ne deriva: dei cavi correttamente disposti, infatti, possono essere nascosti più discretamente e permettono una pulizia ottimale se diventa necessario passare una scopa o un piumino per spolverare, senza rischiare pericolosi intrecci e agevolando l’operazione. Se si hanno dei dubbi sull’utilizzo di questi prodotti, è anche possibile consultarsi con un elettricista di fiducia.

 

L'AUTORE
Una raccolta di "dritte", consigli, occasioni e buone pratiche scovate e selezionate direttamente dalla Redazione.

Lascia un commento

PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI