Come diminuire il volume di rifiuti prodotti: il riciclo e altre buone idee

Per leggere questo articolo ti servono: 4 minuti
CONDIVIDI
05/02/2020 YOUngTips

Gli accorgimenti che si possono adottare per ridurre la quantità di rifiuti che produciamo giorno dopo giorno sono numerosi: prestare attenzione a ognuno di essi garantisce un vantaggio concreto non solo per l’ambiente, ma anche per le proprie tasche. Si pensi, per esempio, alle tante opportunità che vengono messe a disposizione dal riciclo creativo: il concetto è semplice, e cioè tentare di riutilizzare quello che si ha in mente di buttare nella pattumiera perché si pensa che non sia più utile. Invece, vale la pena di riciclare qualsiasi prodotto per dare vita a oggetti belli e magari anche utili. Chi ha dei bambini potrebbe approfittare della loro fantasia e della loro creatività per trovare idee e soluzioni originali.

No ai prodotti usa e getta

Quando se ne ha l’opportunità, è sempre consigliabile contenere il ricorso ai fazzoletti e ai tovaglioli di carta, ma più in generale a tutti i prodotti usa e getta. Un concetto che può chiamare in causa anche i bicchieri di plastica, i piatti, le posate, e così via. È vero, se si organizza una cena con tante persone alla fine è una seccatura lavare una mole sconfinata di stoviglie… ma per l’ambiente si fa questo e altro. Nel caso delle salviette e dei tovaglioli, invece, non c’è alcun sacrificio da compiere: le alternative in stoffa sono ugualmente pratiche e forse perfino più confortevoli.

I consigli per risparmiare e per produrre meno immondizia

Quando si ha a che fare con un elettrodomestico guasto o con un apparecchio elettronico che non funziona più, prima di giungere alla decisione definitiva di buttare questi prodotti nella spazzatura occorre sempre interrogarsi se non vi sia qualche modo per far sì che essi durino di più, magari con l’aiuto di un pezzo di ricambio o con una riparazione ad hoc. Lo stesso vale per ogni altro oggetto che si ha in casa, dai giocattoli ai libri, passando per i vestiti: è un peccato buttare quelli che non si usano più, e se proprio si vuole far spazio in casa è possibile regalarli a chi ne ha più bisogno, portarli a un mercatino dell’usato per ricavarne qualche spicciolo, darli in beneficenza alle associazioni di volontariato, e così via. Anche la Rete è un ottimo strumento per vendere quello di cui ci si vuole sbarazzare.

Guida alle buone pratiche da seguire

In tutte le circostanze in cui è possibile farlo, sarebbe auspicabile evitare di usare la carta e preferire, invece, il ricorso alle mail o alla posta elettronica certificata. Se proprio non si può fare a meno di stampare, comunque, per ridurre lo spreco è bene usare i fogli su tutti e due i lati. Passando alle abitudini casalinghe, invece, gli scarti vegetali come le bucce della frutta o i residui della verdura possono essere trasformati in compost. Stesso discorso per i rifiuti organici: con l’aiuto della compostiera curare il proprio giardino o il proprio orto sarà ancora più facile e gratificante.

Che cosa fare per rispettare l’ambiente

Un altro accorgimento che contribuisce al rispetto dell’ambiente consiste nel verificare la tipologia dei materiali con cui sono realizzati gli imballaggi: è necessario preferire per quelli che possono essere differenziati con più facilità, come il vetro, la plastica, il cartone, la carta e così via. Per quel che riguarda gli acquisti di tutti i giorni, invece, i distributori pubblici di latte e acqua rappresentano un punto di riferimento da tenere sempre in considerazione. Rifornendosi presso di essi, infatti, non solo si risparmia un bel po’ di denaro, ma si è certi di non dover gettare ogni giorno le bottiglie di plastica nella spazzatura, visto che ci si può servire di quelle di vetro che possono essere riciclate tutte le volte che si vuole.

Come comportarsi quando si è fuori casa

Anche lontano da casa ci sono alcune azioni a cui è bene pensare se si ha a cuore la sorte del pianeta e si desidera limitare il proprio impatto ambientale: per esempio, sarebbe bene non comprare le bottiglie di acqua in plastica usando al posto loro i thermos e le borracce, da tenere a portata di mano in qualunque occasione. Ovviamente, non in un sacchetto di carta o in una busta di plastica, ma in una borsa di stoffa che si può riusare tantissime volte.

Che cosa e come comprare

Infine, l’ultima – ma non per questo meno importante – precauzione riguarda lo shopping: gli acquisti che si effettuano, infatti, dovrebbero essere pianificati a seconda di quello di cui si ha bisogno realmente, cercando di optare sempre per i prodotti alla spina e sfusi. Un consiglio che vale per i detersivi e i saponi liquidi, ma anche per i cereali e molti altri prodotti alimentari (di cui, per altro, occorre controllare con attenzione la data di scadenza).

Ringraziamo lo staff di NonSoloRiciclo.com per averci aiutato con la stesura di questo contenuto.

L'AUTORE
Una raccolta di "dritte", consigli, occasioni e buone pratiche scovate e selezionate direttamente dalla Redazione.

Lascia un commento

PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI