Congresso Mondiale della Famiglia: è giusto tollerare una manifestazione di intolleranti?

Per leggere questo articolo ti servono: 2 minuti
CONDIVIDI
  • 240
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
    242
    Shares
28/03/2019 Emiliano Rubbi

Dal 29 al 31 marzo si svolgerà a Verona il 13esimo World Congress of Families.

È giusto tollerare una manifestazione di intolleranti?
Secondo Karl Popper no, ad esempio.
Nel suo arcinoto “paradosso della tolleranza”, il filosofo austriaco concludeva che “lasciar fare” gli intolleranti è profondamente sbagliato perché, detto in parole povere, se applichi i principi della tolleranza a chi non è tollerante, finisce che, alla lunga, quello arriverà a limitare la libertà di tutti, compresa la tua.

Il Congresso Mondiale della Famiglia che si sta per svolgere a Verona, a dispetto del nome rassicurante, è esattamente questo: un raduno di omofobi, di sessisti, di intolleranti in generale, provenienti da tutto il mondo.
Le tesi del convegno sono arcinote: quella che chiamano indebitamente “famiglia naturale” (un uomo e una donna con dei figli) è l’unica possibile, la donna deve recuperare il suo ruolo di “angelo del focolare”, gli omosessuali sono dei malati da curare o, nel peggiore dei casi, dei “figli del demonio”, l’aborto è un omicidio e la legge 194 va cancellata.

Lo scopo del Convegno non è quello di “chiedere dei diritti” per qualcuno, ma di toglierne ad altri.
Donne e omosessuali in primis.
Intolleranza, appunto.

Tra i relatori del convegno figurano moltissimi esponenti dell’estrema destra radicale provenienti da tutto il mondo, alcuni dei quali convinti che i gay vadano puniti con il carcere duro, che il sesso anale sia un’invocazione a Satana (Silvana de Mari), che il preservativo sia “una trappola esportata in Africa per soffocare la vita” (Theresa Okafor).

Tutto ciò con il patrocinio della Regione Veneto, della città di Verona, del ministero della famiglia, della Lega in generale, come testimonia l’annunciata presenza di Salvini stesso.

Non è solo giusto manifestare contro il World Congress of Families, è sacrosanto.
Come sarebbe sacrosanto impedire che, nel 2019, si possa tenere un convegno messo in piedi “contro” i diritti e le libertà di qualcun altro.
Come sarebbe sacrosanto pretendere che dei ministri della Repubblica e un vicepresidente del Consiglio non prendessero parte a questa annunciata esondazione del sistema fognario veronese.
Ma siamo in Italia, in questa Italia sempre più convinta che cancellare diritti ad alcuni anziché aggiungerne a tutti possa rappresentare una soluzione per le sue miserie.

Quindi manifestate.
Donne, uomini, eterosessuali e omosessuali.
Manifestate, scendete in piazza.
Fategli capire che, anche se in questo momento si sentono forti, sono solo una minoranza rispetto al paese intero.
La peggior minoranza che esiste, quella che, presto o tardi, sarà spazzata via ancora una volta dalla Storia.
E stavolta speriamo definitivamente.

L'AUTORE
Sono principalmente un produttore discografico, ma anche uno sceneggiatore e una persona interessata alle dinamiche sociali. Parlare di musica di solito mi annoia, quella preferisco farla e ascoltarla, quindi parlo di altro, ma sempre dal mio parzialissimo punto di vista

Lascia un commento

PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI