Lavorare con gli animali, quali sono i lavori più richiesti nel settore

Per leggere questo articolo ti servono: 3 minuti
CONDIVIDI
26/03/2020 YOUngTips

PUBBLIREDAZIONALE

 

La passione per gli animali sta spingendo un numero sempre maggiore di persone a lavorare a stretto contatto con loro per poterli accudire e supportare in ogni genere di circostanza e per qualsiasi tipo di necessità.

Il settore dell’animal care è in costante sviluppo e al suo interno ormai sono presenti diverse tipologie di figure professionali, accanto a quella del veterinario.

Lavorare con gli animali, infatti, significa anche occuparsi della loro toeletta, addestrarli o più semplicemente vendere prodotti a loro dedicati. Le possibilità, quindi, sono molteplici e davvero molto richieste. La ragione è legata anche al fatto che, rispetto al passato, è diventato più semplice accedere ai percorsi formativi che permettono di apprendere tutte le conoscenze necessarie per praticare questo genere di professioni.

Merito soprattutto della tecnologia e di realtà specializzate che hanno saputo sfruttarne le risorse per mettere a disposizione corsi professionali a distanza certificati della massima qualità.

L’importanza dell’assistente veterinario

Un veterinario non lavora mai da solo: i suoi assistenti sono determinanti per garantire un lavoro di squadra indispensabile e alleggerirlo dal carico dei compiti. Un assistente veterinario accoglie i clienti e prende gli appuntamenti, al fine di mantenere sempre massima organizzazione; inoltre, sa riconoscere i casi più urgenti e si occupa anche delle pratiche burocratiche e amministrative.

Durante una visita può rappresentare un valido supporto per calmare l’animale che debba ricevere un’iniezione e può anche fare prelievi di campioni da analizzare in laboratorio. Naturalmente, per fare questo dovrà conoscere perfettamente la fisiologia, l’anatomia e le malattie più frequenti nelle varie specie animali.

Come lavora l’addestratore cinofilo

L’addestratore cinofilo è un altro professionista cui molti padroni, spesso in difficoltà, si rivolgono per disciplinare un amico a quattro zampe particolarmente vivace o che abbia bisogno di essere corretto in uno o più comportamenti.

Per diventare addestratore bisogna, perciò, sviluppare competenze che aiutino a entrare in confidenza con l’animale e capirne la psicologia. Farlo giocare e stimolarlo a seguire dei percorsi predeterminati sarà uno degli aspetti del lavoro, cui andranno affiancate competenze specifiche atte a riconoscere eventuali malesseri del cane.

Ogni razza, poi, ha le sue peculiarità, che andranno tenute in considerazione al fine di personalizzarne l’addestramento e portarlo ai massimi livelli. L’operatore, poi, dovrà anche tenere conto del grado di soddisfazione dell’animale che sarà sì, chiamato a imparare, ma anche a divertirsi per non essere mai sottoposto a stress.

La cura del toelettatore

Il pelo, soprattutto se lungo, in un cane o in un gatto va sempre ben gestito. Entrambi, infatti, hanno periodicamente bisogno di interventi per eliminare dei nodi, la presenza di parassiti incrostazioni di sporco impossibili da eliminare solo con acqua e sapone.

In ogni caso, il toelettatore per animali dovrà essere in grado, in primis, rassicurare l’animale che non ama essere avvicinato o stare a contatto con l’acqua (specie in caso di gatti) e poi dovrà essere veloce e preciso per avere il risultato migliore in tempi adeguati.

La professionalità del responsabile vendite pet shop

Infine, molte richieste vengono anche dal mondo dei negozi per animali. Il responsabile delle vendite in un pet shop deve conoscere alla perfezione tutti i principali marchi di alimenti, inclusi quelli con caratteristiche speciali (adatti ai cuccioli o ad animali con patologie specifiche alle vie urinarie o digestive).

Acquisendo la conoscenza di strategie di marketing efficaci, potrà suggerire ai padroni il miglior guinzaglio o la lettiera più adeguata, descrivendo i pro e i contro degli articoli nel pieno rispetto dell’animale. Inoltre, potrà anche essere responsabile della vendita stessa di animali, quindi dovrà conoscere al meglio tutte le razze proposte per rispondere ai quesiti dei clienti, sia che si tratti di quadrupedi che di furetti, criceti o porcellini d’india.

L'AUTORE
Una raccolta di "dritte", consigli, occasioni e buone pratiche scovate e selezionate direttamente dalla Redazione.

Lascia un commento

PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI