Quel giorno al Primavera – Cronaca del 5 giugno

Per leggere questo articolo ti servono: 2 minuti
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
27/06/2016 Veronica Valli

Domenica 5 giugno è stato realmente l’ultimo giorno di festival. Dopo la solita sveglia mattiniera a orario da Cavaliere, un corroborante e pessimo caffé iberico mi rimette in piedi e mi consente finalmente di visitare un po’ le bellezze della città catalana. Il giro termina ovviamente a La Ciutat, nel centro culturale CCCB, sede di incontri, conferenze e concerti gratuiti del Primavera dove ero già stata il giorno prima. Poiché i live al Forum sono terminati, gran parte degli irriducibili del festival si sono riversati qui, dove però la capienza non è la stessa e dunque la ressa si avverte molto di più, facendo soffrire parecchio chi desiderava godersi i concerti.

MUDHONEY E BLACK LIPS – Tra gente che si infilava in ogni orifizio possibile e immaginabile, sul sempre lodato palco Martini ritroviamo in versione ridotta i DeerHunter, con Bradford Cox sempre in forma e con la voglia di far ballare il pubblico con un mix di shoegaze e funk particolare e abbastanza allegro. Grande attesa poi per i sopravvissuti del grunge Mudhoney, anche loro direttamente da Seattle come i Nirvana (ma va), che regalano allo stipato pubblico de La Ciutat un bel po’ di sano revival di rock d’antan, che fa sempre molto piacere ascoltare anche se non si è fan del genere. Mentre ci si chiede come sia stato il live di Aldo The Band e si incrocia il mitico Big Jeff, al secolo Jeffrey Johns, immancabile presenza a ogni festival musicale, arriva il turno di un altro momento revival, cioé quello punk dei Black Lips. Al solito, c’è troppa gente per darsi alla pazza gioia e provare a pogare (non capisco come mai non abbiano chiuso i cancelli. Mistero) ma comunque il live è di un certo livello. Ma non c’è tempo di farsi altre domande. Tocca rimettersi in marcia per raggiungere l’Apolo.

TY SEGALL E THE AVALANCHES (ANCORA) – Arrivata alla nuova venue, un ex teatro riconvertito a sala per concerti, ho un po’ di tempo per fare un piccolo giro nel negozietto del Primavera, dove si trovano diverse chicche per appassionati, tra libri e dischi, anche a prezzi piuttosto buoni. C’è giusto il tempo di una birra, prima di andarmi a trovare un cantuccio dove godermi il delirante concerto di Ty Segall and the Muggers, di cui mi avevano parlato molto positivamente e che di fatto, non ha lanciato spazio all’immaginazione, tra racconti della vita di Ty e sue incursioni tra il pubblico in momenti di puro delirio. Dopo di lui, ritrovo anche gli Avalanches, che mi deludono un po’ perché ripropongono paro-paro la scaletta portata durante l’esibizione al Festival; di certo sono riusciti ancora una volta a infiammare il dancefloor e su questo non si discute ma io che li avevo già visti mi aspettavo qualcosa di un po’ diverso. Poco male. Si è fatto tardi, i concerti all’Apolo non sono ancora finiti ma è l’ora di tornare a casa e di iniziare a pensare alla prossima edizione del Primavera.

Ps: per chi fosse a caccia di vip, ho saputo che al Primavera c’era Cesare Cremonini (Cesare Cremonini!) e Carlo Pastore. E’ una cosa bella, perché si spera che da questa esperienza entrambi abbiano tratto un po’ di ispirazione.

L'AUTORE
PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI
Vai alla barra degli strumenti