Italmoto: e-bike Made In Italy

1 Offerta
0 Recensioni

La rivoluzione culturale che ha motorizzato gli italiani nel dopo guerra è durata 70 anni, durante i quali sono entrati nella vita del Paese la Vespa e la Lambretta.

In quei 7 decenni la produzione e commercializzazione di scooter e moto di piccola cilindrata vide come principali costruttori marchi come Ducati Rumi, MV Augusta ecc…a questi si aggiunsero nuovi produttori che proponevano marchi e soluzioni proprie.

Degno di nota, uno fra tutti i costruttori, a cavallo degli anni cinquanta è proprio ITALMOTO. Azienda di dimensioni modeste ma con notevole propensione all’innovazione tecnologica che, già nel 1952 produceva una motocicletta 160cc a 4 tempi, con cambio a 4 velocità e sospensione tele-idrauliche, la “ Italmoto T4 160cc”.

Nella sede di produzione di Italmoto a Bologna in Via Ferrarese, 171, si costruivano due modelli 125cc due tempi a tre marce nelle varianti con forcella stampata e forcella teleidraulica. Il considerevole traguardo commerciale raggiunto da Italmoto, nella seconda metà degli anni cinquanta, interessa i vertici di Maserati che nel 1957 acquisisce la proprietà e il controllo della Italmoto s.a.

Cassia Man Italmoto

                                    Modello e-bike Cassia Man

La tradizionale propensione del costruttore bolognese all’innovazione tecnologica ed alla ricerca di soluzione tecniche atte a migliorare il rendimento dinamico dei veicoli proseguì nella gestione di Maserati anche mediante la partecipazione a competizioni agonistiche di categorie. La mutata veste societaria imprime, senza stravolgerne, le basi progettuali ne gli stantard costrutivi, slancio alla produzione lasciando a marchio Italmoto i motori e le parti meccaniche ma apponendo il proprio alle carrozzerie dei motoveicoli.

Il processo di sostituzione del marchio, in favore del ben più noto Maserati si è concluso agli inizi del 1960.
Quando le linee di montaggio furono trasferite a Modena e dove la produzione continuò con il marchio del Tridente.

Negli anni successivi la società affida al nuovo reparto di progettazione, il compito di creare nuovi modelli originali, con indirizzo alla categoria ciclomotori, dai prezzi più popolari, e quindi rivolti ad un mercato notevolmente più vasto, ma con scarso successo, tanto che, nel 1963 la produzione viene definitivamente abbandonata.

IL RITORNO DEL MARCHIO

La continuità storica del marchio emiliano, in chiave moderna, rivive ora in una nuova gamma di veicoli nel rispetto delle tradizione motoristica di ITALMOTO. Ideata, progettata e costruita interamente in Italia, con l’ausilio delle più moderne ed efficienti tecnologie nonché con l’utilizzo di componentistica d’avanguardia nel più completo rispetto dell’Ambiente.

Nella rinata veste, Italmoto non si propone come una commerciale offerente soluzioni già sperimentate di puro “branding”, attuate mediante semplice recupero di marchi celebri associati a motoveicoli di scarsa qualità, ma come COSTRUTTORE, che dal blasone del marchio prende spunto per creare elementi di pura passione ITALIANA.

E’proprio l’italianità, per tutto ciò che di più ampio il termine rappresenta, a dettare le linee guida per la realizzazione di veicoli, volti a soddisfare le crescenti esigenze degli utilizzatori, in perfetto equilibrio per sostenibilità economica e mantenimento di elevati standard qualitativi.

50 € di sconto sulle e-bike
Ottieni uno sconto aggiuntivo e comulabile di 50 euro su 4 modelli di e-bike
500 YP
47 disponibili
30 giorni
- 50 €

Per lasciare una recensione devi essere loggato

Accedi o registratati con un click con i tuoi social:
Se conosci username e password: