Gli effetti della marijuana sul sonno

Per leggere questo articolo ti servono: 3 minuti
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
05/06/2015 Redazione YOUng

C’è una grande quantità di speculazioni riguardanti l’ impatto della marijuana sul sonno. Un sacco di persone sostengono che un po’ di cannabis prima di coricarsi aiuta a indurre un sonno profondo e ristoratore. Ma un studio del 2014 condotto presso la University of Pennsylvania suggerisce che l’uso eccessivo della cannabis prima del sonno possa invece portare all’insonnia. Ovviamente, ci sono opinioni diverse su questo tema.

Implementare la ricerca è necessaria al fine di giungere a una conclusione completa sull’impatto finale della marijuana sul sonno. Questo non è attualmente possibile in virtù delle leggi federali, che creano spesso un ostacolo per i ricercatori che cercano di studiarne gli effetti.

Una cosa che sappiamo, però, è che non c’è prova sostanziale che affermi che la marijuana sopprima la fase REM (rapid eye movement) del sonno . Ci sono due tipi di sonno: il sonno non-REM e il sonno REM. Il sonno non-REM si verifica in più fasi, ed è essenzialmente quando il corpo comincia ad assumere uno stato riposato e transizioni in un sonno profondo. Una sorta di periodo di restauro, in cui il corpo si ripara e si rafforza. Israel grows medicinal marijuana in Safed Durante il sonno REM, che di solito si verifica circa 90 minuti dopo che ci addormentiamo, sogniamo. Mentre il sonno non-REM è vitale per il corpo, il sonno REM è cruciale per il nostro benessere cognitivo. Attraverso il sonno REM, elaboriamo le cose che abbiamo imparato, osservato e inconsciamente assorbito. Allo stesso tempo, facciamo progetti per il futuro e ci risvegliamo pronti per il giorno che ci sta davanti. Questo è precisamente il motivo per cui alcune ricerche suggeriscono che fumare erba elimini la piena capacità di una persona di sognare, in quanto sopprime il sonno REM.

Come nota Vice, ci sono prove che gli utenti che fumano cannabis non sognano più. Ma questa non è necessariamente una cosa negativa, in particolare per coloro che soffrono di ricorrenti o frequenti incubi. Ci sono prove che dimostrano che l’85 per cento della popolazione soffre di incubi di volta in volta. Una sfortunata percentuale che va dal 2 al 6 per cento della popolazione sperimenta incubi circa una volta alla settimana. Gli incubi sono sogni che si verificano durante il sonno REM. Essi sono in genere causati da stress, traumi, ansia e depressione e possono essere incredibilmente spaventosi e angoscianti, rivelandosi terribili per la qualità del sonno. La cannabis che sopprime il sonno REM, può contribuire ad eliminare gli incubi, sostenendo il processo del sonno. In tale veste, la marijuana è sicuramente un aiuto al sonno. Questo è stato particolarmente evidente tra i veterani che soffrono di PTSD e conseguenti incubi e insonnia da essi derivanti. Lo scorso aprile, il veterano dei Marines Logan Edwards ha detto a NBC News che la marijuana potrebbe aver salvato la sua vita. Edwards, che ha servito in Iraq, soffriva di PTSD dopo il suo ritorno dal combattimento. Ha affrontato incubi incessanti e insonnia, e la prescrizione di farmaci che gli è stata fatta dai Veterans Affairs (VA), benzodiazepine e antidepressivi, non lo aiutavano. Questo non è così sorprendente, in quanto questi farmaci sono talvolta noti per peggiorare incubi, come messo in evidenza dall’Huffington Post.

erba fumare

La marijuana, come Edwards ha dichiarato, lo ha aiutato a riottenere la sua vita, fornendo immenso sollievo dalla sua PTSD e gli incubi causatigli. Al momento, molti veterani non possono legalmente accedere alla marijuana medica. Una grande quantità di veterani dipende dal VA per l’assistenza sanitaria, ma la legge federale limita ai medici di prescrivere marijuana medica ai veterani. Ma data la sua efficacia nel trattamento apparente della PTSD, il Congresso è sempre più proteso verso l’approvazione di leggi che renderebbe più facile per i veterani ottenere l’accesso alla marijuana . Il Governo arrivando alla questione suggerisce che la marijuana è davvero un rimedio efficace per incubi e insonnia, a seconda delle circostanze. Corrispondentemente, il Dr. Vivek Murthy ha recentemente dichiarato:

“Per alcune condizioni mediche e sintomi … la marijuana può essere utile.”

Quando il medico top dell’America riesce ad ammettere questo, è difficile da ignorare. Così, per chi soffre di incubi e notti insonni causate da depressione e ansia, la marijuana potrebbe essere la soluzione. Quattro Stati e Washington DC hanno già legalizzato la cannabis, mentre 23 Stati e il DC hanno programmi di marijuana medica. A questo punto, non è inverosimile immaginare un mondo in cui la marijuana sarà prescritta come rimedio per una miriade di disturbi.

L'AUTORE
La redazione di YOUng
SCONTI IN EVIDENZA
12 € di sconto per l’elegante design di SuperStudio
ANCORA POCHI RIMASTI!
120 Crediti
Pacchetto tre pieghe con shampoo specifico e balayage a 60€ invece di 75€
ANCORA POCHI RIMASTI!
-15€
Pacchetto 3 pieghe con shampoo specifico e colore anallergico a 58€ invece di 70€!
ANCORA POCHI RIMASTI!
-12€
Tre pieghe con shampoo specifico e taglio a soli 45€ invece di 58€
ANCORA POCHI RIMASTI!
-13€
15€ di sconto sul passeggino ultraleggero K2GO!
ANCORA POCHI RIMASTI!
-15€
12€ di sconto su Il Mondo Baby per la linea Small Foot
ANCORA POCHI RIMASTI!
-12€
15€ di sconto su Il Mondo Baby per la linea Bamboom
ANCORA POCHI RIMASTI!
-15€
PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI
Vai alla barra degli strumenti