Passeggino: come deve essere e quale scegliere?

Per leggere questo articolo ti servono: 3 minuti
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
17/07/2019 YOUngTips

Il passeggino, a differenza di altri accessori per l’infanzia, è davvero indispensabile, poiché consente ai genitori di trasportare il loro bambino con la massima sicurezza e comodità. Tuttavia, sul mercato è possibile trovare una vasta gamma di modelli, il che può rendere difficile attuare una scelta mirata e soddisfacente. Dunque, come fare? L’importante è conoscere quali caratteristiche deve avere un passeggino per risultare valido.

Di fatto, deve presentare una seduta comoda ed il più possibile anatomica. Infatti, il piccolo passeggero deve poter star seduto comodo, il che vuol dire che lo schienale, ma anche le ali laterali devono essere ben imbottite. Molto importante è il tessuto di rivestimento, poiché a contatto diretto con il bimbo, quindi, deve essere resistente, ma sopratutto atossico.

Inoltre, è importante che sia facilmente sfoderabile e lavabile. Del resto, quando si tratta di bambini è importante garantire il massimo dell’igiene, in modo da scongiurare eventuali infezioni e la diffusione di batteri. Ovviamente, non può mancare la capottina, che deve essere impermeabile, poiché deve riparare il piccolo passeggero dalla pioggia, ma soprattutto dai raggi del sole.

Altre caratteristiche fondamentali per un passeggino

É indispensabile che il passeggino scelto abbia lo schienale reclinabile. Di fatto, è meglio poter disporre di diverse inclinazioni, fino ad arrivare a diventare orizzontale, così da permettere al bambino di dormire in tranquillità. Alcuni modelli consentono anche di reclinare il poggiagambe. Si tratta di un accorgimento importante, poiché consente al piccolo di distendersi completamente, avendo a disposizione quasi una sorta di culla.

Bisogna anche verificare che la seduta sia agganciabile sia fronte-mamma che fronte-strada. Del resto, i primi tempi il bambino vuole poter vedere i genitori, ma raggiunti i 7 mesi desidera esplorare ciò che lo circonda. Non bisogna dimenticare, però, tutto quello che riguarda la sicurezza, ovvero i freni, le cinture e le imbottiture. Tutto deve essere a norma e perfettamente funzionante, in modo da proteggere il bimbo in caso di urti o incidenti.

Anche la struttura deve essere adeguata, ovvero robusta, ma anche flessibile, così da ammortizzare eventuali colpi. Tuttavia, non deve essere pesante, in modo da facilitarne la chiusura ed anche le operazioni di manovra. Per chi non vuole avere problemi i passeggini Cam sono la scelta ideale, poiché hanno tutto quello che serve per garantire comfort e protezione ai bambini, dalla nascita fino ai 3 anni di età.

Tipologie di passeggini disponibili in commercio

In fase di scelta, oltre a conoscere le caratteristiche fondamentali che un passeggino dovrebbe avere per risultare performante, è importante anche avere ben chiare le tipologie disponibili in commercio, così da individuare quella più adatta alle proprie necessità ed a quelle del bambino. Di fatto, è possibile optare per modelli leggeri, che sono utili per le uscite rapide e poco impegnative. Il bello è che sono poco pesanti e facili da trasportare, il che può tornare utile in caso di utilizzo dei mezzi di trasporto.

Tuttavia, molto diffusi sono anche i passeggini a 3 ruote, poiché consentono di muoversi su qualunque tipo di superficie, anche quelle più sconnesse. Per chi punta alla stabilità, invece, particolarmente indicati sono gli apparecchi dotati di 4 ruote, che vengono scelti soprattutto per la movimentazione in città. Non mancano, poi, i passeggini modulari, detti duo o trio, che sono caratterizzati da un telaio unico, su cui è possibile agganciare diversi supporti, come la navicella e l’ovetto.

Siete in attesa di due gemelli o avete due bambini di età molto vicine? Allora, non vi resta che acquistare un passeggino gemellare, composto da un telaio in cui trovano posto due sedute. Infine, bisogna ricordare che per i neonati molto utilizzate sono anche le carrozzine, che ricordano un po’ delle culle, poiché permettono al piccolo di rimanere sdraiato e protetto.

L'AUTORE
Una raccolta di "dritte", consigli, occasioni e buone pratiche scovate e selezionate direttamente dalla Redazione.

Lascia un commento

PARTNER
SOSTIENI IL PROGETTO!
Sostienici
Quanto vale per te l’informazione indipendente e di qualità?

Ti bastano appena 5 euro per sostenerci ed avere in cambio 12 euro di sconti sul nostro store!

SOSTIENICI