Morire di parto nel 2016: numeri inaccettabili

Aurora Scudieri

In viaggio da sempre...per arrivare da te. Ogni volta che guardo mio figlio so quanto ho dovuto lottare, soffrire, perdere, per arrivare da lui. Ma ne è valsa la pena perché adesso la luce è ovunque. Racconto di noi, del percorso di Fecondazioni assistite per arrivare da lui, dei dubbi di una mamma ancora tanto inesperta, dei momenti belli e di quelli difficili che fanno parte del meraviglioso mondo della maternità. La difficoltà nel crescerlo, nel trovare un lavoro, nell'imparare ogni giorno ad essere una mamma migliore. Benvenuti nel nostro piccolo mondo "imperfetto".

1206 letture
Per leggere questo articolo ti servono .. 1 min.
Social Score
In queste ultime feste natalizie ne abbiamo lette davvero tante. Madri che durante il parto sono morte, alcune con i propri figli appena nati, altre per improvvise complicazioni o per ragioni inspiegabili. Bambini che dopo 40 settimane nel ventre materno perdono il battito del loro cuoricino o che nascono senza arti inferiori dopo che l’ultima ecografia aveva calcolato la lunghezza del femore.
Situazioni e numeri inaccettabili. Nonostante il Ministro della Salute sostenga che in Italia il tasso delle morti in sala parto è tra i più bassi al mondo, come per Francia e Regno Unito ossia pari a 10 casi su 100 mila.
Non basta. Non basta se 10 famiglie quest’anno non hanno potuto festeggiare il Natale con una neo mamma e il suo neonato.
Secondo i dati forniti dall’Istituto superiore di sanità (Iss) ogni anno nel nostro Paese circa 50 donne muoiono di parto.
Alcuni sono casi impossibili da evitare ma per altri si può fare qualcosa. Il servizio sanitario prevede che una donna sana senza problemi passati di parto o età e peso eccessivo faccia solo tre ecografie in nove mesi. E che quando il termine scade possa attendere altre due settimane prima dell’induzione al parto.
Un uomo che resta in un attimo senza la compagna e il figlio non se ne fa nulla dei numeri.
Una famiglia distrutta se ne frega se “ha fatto  tutte le ecografie necessarie, di più non si poteva fare“. La gravidanza e il parto devono essere soli esperienze positive, per tutti. Lottiamo quindi per evitare il verificarsi anche di uno solo di questi casi.
1206 letture

Aurora Scudieri

In viaggio da sempre...per arrivare da te. Ogni volta che guardo mio figlio so quanto ho dovuto lottare, soffrire, perdere, per arrivare da lui. Ma ne è valsa la pena perché adesso la luce è ovunque. Racconto di noi, del percorso di Fecondazioni assistite per arrivare da lui, dei dubbi di una mamma ancora tanto inesperta, dei momenti belli e di quelli difficili che fanno parte del meraviglioso mondo della maternità. La difficoltà nel crescerlo, nel trovare un lavoro, nell'imparare ogni giorno ad essere una mamma migliore. Benvenuti nel nostro piccolo mondo "imperfetto".

Ti è piaciuto questo articolo di Aurora Scudieri ?

Devi essere loggato per inviare messaggi

Social Score
francia italia europa Regno Unito parto figli sanità Beatrice Lorenzin morti Ministro istituto superiore di Sanità

YOUng - Slow Journalism è una testata giornalistica di proprietà di young S.R.L.

Registrazione Trib. di Nocera Inferiore (SA) n° 4 del 23/10/2014

P.IVA: 05093030657

Privacy Policy

Contatti

VIA GIOVANNI PAOLO II n. 100, Fisciano (SA)

Email: info@young.it

Seguici su Facebook

Newsletter

Newsletter

Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro DONAIl nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata. Scopri Come
X
Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro

DONA

Il nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata.

Scopri Come
X
Non hai abbastanza crediti?

Ricarica

O scopri come ottenerne con la Gamification

×