Il Cyberbullismo che ha ucciso Andrea merita pene severe

Marco Baldini

Ex bello, ex alto, ex disc jockey famoso, ex biondo, ex personaggio televisivo, ex diciottenne, ex giocatore, ex scapestrato, ex ricco, ex fattoria, ex centravanti della nazionale, ex modello ( di carta da parati) ex...calibur, ex...traterrestre, ex...odus, ex...it.....praticamente un cretino.

2061 letture
Per leggere questo articolo ti servono .. 2 min.
Social Score

Ciao a tutti. Come rima cosa ci tengo a ringraziare YOUng per avermi dato la possibilità di esprimermi senza censure, in totale libertà e dunque per avermi concesso fiducia, cosa che in questo momento particolare della mia vita è abbastanza rara.
Tenendo conto che, come più volte ho dichiarato, come titolo di studio ho il battesimo, e dunque mi dovrete scusate per lessico e sintassi,  veniamo all’argomento che voglio trattare, o meglio alla notizia che vorrei commentare.
Generalmente tendo a scherzare sul nostro costume e sui vari comportamenti dell’animale: – homo italicus coattus – ma oggi mi sembra doveroso unirmi allo sdegno generale per quello che è successo al povero Andrea Natali di Borgo d’Ale in provincia di Vercelli.
Il ventiseienne si è tolto la vita perché non ce la faceva più a sopportare la stupida crudeltà di chi da anni lo bersagliava con scherzi (se così si possono chiamare) atroci e umiliazioni ripetute che poi venivano regolarmente filmate, fotografate e postate in rete, divenendo quindi veri e propri esempi di cyberbullismo.
È quasi un ossimoro che uno che come me usa la rete ne denunci anche la sua pericolosità, in questo caso come tante volte, anche fatale ma non si può tacere davanti a tanta cattiveria aggravata e moltiplicata in modo esponenziale dall’idiozia di chi si diverte a distruggere la personalità di un individuo fragile e a ridere di tutto ciò.
Infatti non si tratta solo di usare violenza contro qualcuno, ma anche di certificarla e documentarla su YouTube o Facebook per dimostrare al mondo quanto siamo capaci di essere malati. Ma la cosa più atroce ancora è prendere atto che spesso ci sono degli utenti che osannano e apprezzano questo genere di azioni e spesso le incoraggiano. Basta anche solo un like per accreditare simili episodi di vergognoso bullismo.
Ora io non vorrei passare per un babbione vecchio e reazionario, ma occorrerebbero punizioni esemplari per determinati soggetti. Badate: non parlo né di pene corporali né di punizioni simili, ma della semplice e pura galera. Però tanta, tanta galera; decenni se non, in alcuni casi come questo, il carcere a vita.
Indurre al suicidio un essere umano è, a mio avviso, la più grande forma di bestialità e vigliaccheria esistente. Farlo per futili motivi, se non fossi contrario alla pena di morte, mi porterebbe ad invocare persino l’iniezione letale. Non ho detto sedia elettrica, che era la cosa che mi solleticava di più volendo dare ascolto alla mia “pancia”.
Io non so se in futuro la polizia postale o chi si dovrà occupare di questo genere di vicende prenderà dei provvedimenti più drastici, ma voi potete fare tanto isolando e denunciando chiunque usi la rete come uno strumento di tortura.
La nostra dovrebbe essere una grande comunità che si aiuta si sostiene e si protegge, una sorta di Isola di Wight virtuale e non un ricettacolo di stupidi, violenti e deviati.
Pensateci quando vi viene voglia di mettere un like dove non dovreste.

2061 letture

Marco Baldini

Ex bello, ex alto, ex disc jockey famoso, ex biondo, ex personaggio televisivo, ex diciottenne, ex giocatore, ex scapestrato, ex ricco, ex fattoria, ex centravanti della nazionale, ex modello ( di carta da parati) ex...calibur, ex...traterrestre, ex...odus, ex...it.....praticamente un cretino.

Ti è piaciuto questo articolo di Marco Baldini ?

Devi essere loggato per inviare messaggi

Social Score
  • Giuseppe Michele Scarpia Silip

    La cosa volgare è che ci sono genitori che davanti a simili episodi li bollano come “ragazzate”, ed è questo che mi fa schifo, quasi più del gesto, il tentativo di difendere ad oltranza un figlio palesemente colpevole, per non ammettere il proprio “fallimento” educativo.
    Occorre una severa legge contro queste forme di reato, ma non da scontare in galera, no, troppo comodo, questi ragazzi per l’intera durata della pena, devono lavorare dalle 10 alle 15 ore al giorno, sgobbare e frequentare dei corsi che gli permettano, giorno dopo giorno di capire che gesto immondo hanno commesso e anche come diventare delle persone migliori…

YOUng - Slow Journalism è una testata giornalistica di proprietà di young S.R.L.

Registrazione Trib. di Nocera Inferiore (SA) n° 4 del 23/10/2014

P.IVA: 05093030657

Privacy Policy

Contatti

VIA GIOVANNI PAOLO II n. 100, Fisciano (SA)

Email: info@young.it

Seguici su Facebook

Newsletter

Newsletter

Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro DONAIl nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata. Scopri Come
X
Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro

DONA

Il nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata.

Scopri Come
X
Non hai abbastanza crediti?

Ricarica

O scopri come ottenerne con la Gamification

×