Trovatore di Giuseppe Verdi al teatro Verdi di Pisa – di Marcello Lippi

Il Trovatore teatro verdi di Pisa per la regia di Stefano Vizioli : da sx Leonardo Gramegna (Manrico), Vittoria Yeo (Leonora), Sergio Bologna (Conte di Luna), Francesco Milanese (Ferrando)
Per leggere questo articolo ti servono .. 9 min.
Social Score

 

Trovatore  – Teatro Verdi di Pisa 10 novembre 2017 

E’ stata una bellissima emozione tornare a rivedere, da spettatore, il teatro pisano e il primo impatto è stato positivo: il teatro nella sera del 10 novembre 2017 era quasi pieno, segno che il cammino di questi ultimi anni prosegue e che l’affetto del pubblico lo circonda e premia con una soddisfacente affluenza.

Questa coproduzione con i teatri di Modena e Reggio Emilia vanta scenografie provenienti dal teatro Verdi di Trieste e soprattutto una bacchetta tra le più prestigiose: Andrea Battistoni, direttore principale della Tokyo Philarmonic Orchestra e del teatro Carlo Felice di Genova, dimostrazione ancora una volta di come il genio non dipenda dall’età, in questo caso giovanissima, dell’artista. Il rapporto tra il maestro e il palcoscenico è perfetto, con una grande attenzione all’originalità (per esempio nel coro degli zingari tenuto volutamente ad un tempo più lento del consueto) e nello stesso tempo alla tradizione, regalandoci dei meravigliosi “accelerando” e “rallentando” nelle arie di Leonora. Il suo gesto è chiarissimo, come sono le sue intenzioni e, avendolo appena ascoltato al Carlo Felice nel Requiem mozartiano, devo constatare con gioia che il suo estro gli permette di passare da un genere all’altro con totale padronanza dei mezzi, del tempo e dello spazio. Ottima l’orchestra dell’Opera Italiana creata per dare lustro all’Italia e a Verdi per tutti i teatri del mondo e in questa occasione capace di trasmettere, sotto la guida di Battistoni, emozioni forti ed autentica gioia per le orecchie ed i cuori.

Eccellente il coro Merulo di Reggio Emilia, preparato da Martino Faggiani, soprattutto nelle sezioni maschili, che hanno saputo, cosa rara, passare da sonorità potenti ai pianissimo senza togliere mai l’appoggio alla voce, né ricorrere a trucchetti come la diminuzione degli elementi cantanti: un’ottima tecnica di canto corale. Peccato la regia non abbia osato di più il movimento, con il risultato che troppo spesso i cantori sono stati immobilizzati in una posizione “da concerto” che mal si sposava con lo svolgersi della vicenda , ma era comunque coerente con la staticità del contesto.

Vittoria Yeo (Leonora) e Sergio Bologna (Conte di Luna)
Vittoria Yeo (Leonora) e Sergio Bologna (Conte di Luna)

Vittoria Yeo è un soprano in grande ascesa, pressoché stabilmente in cartellone nei prossimi mesi a Firenze, Roma e Venezia, una garanzia nel ruolo. Il personaggio che disegna è delizioso, finalmente credibile, dopo tante Leonore matronali. Vittoria dà corpo ad una fanciulla innamorata, dalla voce dolce e giovane, sempre ben assecondata dal direttore, attentissimo a valorizzarne ogni più piccola pennellata timbrica ed è pienamente convincente nel suo percorso emozionale attraverso l’intricatissima trama del Gutierrez. Perfino nella scena dell’eroismo il suo accento vocale è pateticamente commovente, giovane, vero. Grande interprete del ruolo, che affronta con sicurezza anche nel temuto do della prima aria, attendo di ascoltarla presto in Bohème, Butterfly e Battaglia di Legnano.

Credo molto in Leonardo Gramegna. Generoso vocalmente, ha trovato un legato molto interessante, che gli permette un fraseggio di buon livello. Come tutte le voci che corrono molto in sala, deve riporre però un po’ più di attenzione a certe frasette ritenute meno importanti laddove le vocali si fanno improvvisamente troppo aperte e il legato viene meno. Allo stesso modo non può permettersi in arie importanti ed attese dal pubblico di arrivare a corto di energie. Ma sono piccole cose da migliorare da parte di un interprete intelligente e sensibile. Non credo che il famigerato “Allarmi!” della “Pira” che tanto fa tremare i polsi ai tenori possa impensierirlo visto che ha la zona acuta molto facile; troverà il modo di essere un poco più rilassato nell’abbordarlo puntando più sulla proiezione che sull’apertura del cavo orale. II suono era sicurissimo ma non sufficientemente proiettato. Dal punto di vista attoriale avrebbe avuto bisogno di maggior cura da parte del regista.

Non posso trattenermi dal provare un’immensa simpatia e stima per Sergio Bologna, ottimo Conte di Luna, pensando a quanto bravo egli sia da sempre e quanta fatica abbia fatto per affermarsi negli anni passati. Non conosco un professionista più serio e preparato, più disponibile e caro con i colleghi, più sicuro nell’emissione e bravo come attore, eppure solo in questi anni ottiene finalmente il meritato riconoscimento come uno dei migliori baritoni sul mercato. Il suo conte di Luna è validissimo, sicuro, protervo, forte, scuro, potente. Un interprete che ogni direttore artistico vorrebbe avere nel proprio teatro.

Silvia Beltrami è un’artista intelligente e grazie a questa dote riesce ad essere in palcoscenico in un ruolo che richiederebbe una voce più scura e demoniaca della sua. E’ costretta a vigilare su ogni suono chiedendo al proprio corpo di “forzare” sempre un poco l’emissione, ricorrendo costantemente ad un intenso appoggio sul muscolo addominale che va a scapito della proiezione. “Fa” il personaggio, bene, ma non riesce, ancora, ad “esserlo”. Del resto la ricordo in repertori ben diversi, credo abbia bisogno soltanto d’un poco di adattamento e di confidenza nell’affrontare una vocalità da “strega”. Anche dal punto di vista attoriale, e qui il regista non l’ha aiutata, ricorre a tutto quel repertorio di roteazioni delle braccia e strabuzzamenti degli occhi che, se erano storicamente la normale caratterizzazione del personaggio, rispetto alla moderna attorialità rischiano di trasformare il personaggio in una “macchietta”. La voce è molto interessante, il fraseggio anche, credo che in poco tempo, dominando maggiormente il personaggio, lo potrà affrontare ai massimi livelli.

Ho ritrovato con immenso piacere Francesco Milanese nel ruolo di Ferrando. Fui tra i primi a credere in questo artista e a maggior ragione ci credo dopo averlo ascoltato a Pisa. Interpreta un Ferrando sicuramente meno truce del consueto, disegnando la melodia con un fraseggio accuratissimo ed elegante. Non cerca i suoni abbassando la laringe come molti suoi colleghi che “pescano nel profondo”, ma tiene i suoni in proiezione, delineando un personaggio efficacissimo e molto nobile. Battistoni, con la consueta intelligenza musicale, lo aspetta quando ha bisogno di rallentare un poco la linea melodica.  Bravi tutti i comprimari, a partire dalla Ines di Simona di Capua.

Leonardo Gramegna (Manrico) e Silvia Beltrami (Azucena)
Leonardo Gramegna (Manrico) e Silvia Beltrami (Azucena)

Il commento più diffuso tra gli spettatori nel foyer a metà e alla fine della serata riguardava la grande oscurità di questo spettacolo e indubbiamente è un dato di fatto, ma è l’opera stessa a richiederla, non è del tutto una scelta registica. Verdi ha scritto pochi momenti nei quali, volendo, si sarebbe potuto dar respiro al pubblico, ma così non è stato in questa produzione. La presenza come unico elemento scenico di due scalinate, molto belle e funzionali, che, ruotando, compongono i vari ambienti è stata una scelta vincolante, opprimente a tratti, evocando un ambiente che stava a metà strada tra un cupo castello medievale e il mondo industriale di “Tempi moderni”. Bello, ripeto, come effetto visivo, particolarmente nelle proiezioni (mirabile l’occhio della strega che si trasforma nella luna) e molto funzionale. L’apparizione di uno shosi che faceva pensare a Madama Butterfly mi ha inizialmente sorpreso, ma l’uso intelligentissimo di questo, che, grazie alle proiezioni, diventava muro impenetrabile allo sguardo o viceversa lasciava scorgere improvvisamente i personaggi in trasparenza è stato efficacissimo per risolvere i molti cambi di scena che la trama dell’opera richiede. Plauso quindi alla regia di Stefano Vizioli ed alla scenografia di Alessandro Ciammarughi, che firma anche i costumi con la consueta eleganza stilistica, suscitando solo un po’ di perplessità sui costumi degli zingari, davvero particolari.  Non avrei sottolineato continuamente le scene di duello facendo diventare rossa la proiezione, è cosa ormai troppo frequentata e ovvia, ma è piccola cosa nel quadro di un lavoro ben condotto a termine. Vizioli lavora abbastanza bene sulla naturalezza dei gesti e dei rapporti tra personaggi, aiutato sicuramente dalla morbidezza gestuale della Yeo; la staticità cui abbiamo accennato è dovuta ancora una volta al Gutierrez più che al Vizioli, che pur rinuncia troppo al movimento dei personaggi, limitandosi a far loro assumere posizioni base nei momenti più eroici, pensando insomma più alle ragioni del canto che a quelle del realismo scenico.

La regia scorre corretta, con piccolissimi errori, come costringere la povera Ines a cantare il pertichino sulla cabaletta di Leonora molti metri indietro alla collega e quindi inudibile al pubblico oppure calcare sul fatto che Manrico si sia ferito nel duello e quindi sia esanime a terra a inizio atto, per poi farlo rialzare poco dopo sanissimo per il duetto con la madre. Efficacissima la scena del convento, con un muro ad angolo ad isolare le suore (ottime le luci di Franco Marri) dagli armigeri del conte, ma nel terzo atto (qui secondo) si avverte la necessità di un cambiamento della scena più sostanziale che non la continua modificazione della posizione delle scale. Almeno nel duetto d’amore si poteva forse dare una luce più soffusa e dolce. Nel duetto con Leonora, Gramegna si concede qualche presa di suono dal basso che non gli si confà, come pure cerca eccessivamente i pianissimi (“Ah sì, ben mio”) ed affronta con insufficiente leggerezza le agilità mentre le Yeo sorprende per l’ottima tessitura grave. E’ un’eroina che rimane donna. E mentre la scena diventa sempre più oscura e il pubblico ha l’impressione di assistere alla scena della tomba in “Aida”, il regista ci regala alcuni spunti di bellezza (come il coro sulle scale o il carcere) e di ovvietà, come il fondo rosso durante la “Pira”. Il pubblico si è dimostrato nel complesso contento, con successo equamente distribuito tra gli interpreti con preferenze per Battistoni, Bologna e Yeo

 ( per tutte le immagini photo credits IMAGINAIRUM CREATIVE STUDIO)

————————————————————————————————————————————————————————————————————————————–

 

marcello-lippi-baritono-15-1-790x1024

MARCELLO LIPPI 

Autore e Critico Musicale per la Cultura di Young diretta da David Colantoni

Baritono. Nato a Genova, si è diplomato presso il conservatorio Paganini; e laureato presso l’istituto Braga di Teramo con il massimo dei voti. E’ anche laureato in lettere moderne presso l’Università degli studi di Genova. La sua carriera comincia nel 1988 con La notte di un nevrastenico e I due timidi di Nino Rota e subito debutta a Pesaro al Festival Rossini in La gazza ladra e La scala di seta. In seguito canta in Italia nei teatri dell’opera di Roma (Simon Boccanegra, La vedova allegra, Amica), Napoli (Carmina Burana), Genova (Le siège de Corinthe, Lucia di Lammermoor, Bohème, Carmen, Elisir d’amore, Simon Boccanegra, La vida breve, The prodigal son, Die Fledermaus, La fanciulla del west), Venezia (I Capuleti e i Montecchi), Palermo (Tosca, La vedova allegra, Orphée aux enfers, Cin-ci-là, Barbiere di Siviglia), Catania (Wienerblut, Der Schulmeister, das Land des Lächelns), Firenze (Il finanziere e il ciabattino, Pollicino), Milano ( Adelaide di Borgogna), Torino (The consul, Hamlet, Elisir d’amore), Verona (La vedova allegra), Piacenza (Don Giovanni), Modena (Elisir d’amore), Ravenna (Elisir d’amore), Savona (Medea, Il combattimento, Torvaldo e Dorliska), Fano (Madama Butterfly), Bari (Traviata, La Cecchina), Lecce (Werther, Tosca), Trieste (I Pagliacci, Der Zigeuner Baron, Die Fledermaus, Al cavallino bianco, La vedova allegra), Cagliari (Die Fledermaus- La vida breve), Rovigo (Werther, Mozart e Salieri, The tell-tale heart, Amica), Pisa (Il barbiere di Siviglia- La vedova allegra), Lucca (Il barbiere di Siviglia) eccetera. All’estero si è esibito a Bruxelles (La Calisto), Berlin Staatsoper (Madama Butterfly, La Calisto), Wien (La Calisto), Atene (Il barbiere di Siviglia- Madama Butterfly), Dublin (Nozze di Figaro, Capuleti e Montecchi),  Muenchen (Giulio Cesare in Egitto), Barcelona (La gazza ladra, La Calisto, Linda di Chamounix), Lyon (Nozze di Figaro, Calisto), Paris (Traviata, Nozze di Figaro), Dresden (Il re Teodoro in Venezia, Serse), Nice (Nozze di Figaro, The Tell-tale heart), Ludwigshafen (Il re Teodoro, Serse), Jerez de la Frontera (Nozze di Figaro), Granada (Nozze, Tosca), Montpellier (Calisto, Serse), Alicante (Traviata, Don Giovanni, Rigoletto, Bohème), Tel Aviv (Don Pasquale, Elisir d’amore, Traviata), Genève (Xerses, La purpura de la rosa), Festival Salzburg (La Calisto), Madrid (La purpura de la rosa, don Giovanni), Basel (Maria Stuarda), Toronto (Aida), Tokio (Traviata, Adriana Lecouvreur), Hong Kong (Traviata), Frankfurt (Madama Butterfly), Dubrovnik (Tosca), Cannes (Tosca), Ciudad de Mexico (La purpura de la rosa), Palma de Mallorca (Turandot e Fanciulla del west), Limoges (Tosca), Toulon (Linda di Chamounix) ed altre decine di teatri in differenti nazioni del mondo.
Dal 2004 al 2009 ha ricoperto l’incarico di Direttore Artistico e Sovrintendente del Teatro Sociale di Rovigo. Nel 2010 è stato direttore dell’Italian Opera Festival di Londra. Dal 2011 al 2016 è stato direttore artistico della Fondazione Teatro Verdi di Pisa.
Dal 2015 firma come regista importanti spettacoli operistici in tutto il mondo: ha appena terminato il Trittico di Puccini ad Osaka (Giappone), Cavalleria rusticana di Mascagni, Traviata di Verdi, Don Giovanni a Pafos, Tosca, Rigoletto e sarà presto impegnato in altre importanti produzioni estere ed italiane come Jolanta e Aleko. Ha firmato la regia anche di opere moderne come Salvo d’Acquisto al Verdi di Pisa e barocche come Il Flaminio con il Maggio Formazione di Firenze
Docente di canto lirico in conservatorio a La Spezia, Alessandria, Udine, Ferrara e ora a  Rovigo
Ha insegnato Management del Teatro all’Accademia del Teatro alla Scala di Milano.
Ha fatto Master Class in varie parti del mondo, per esempio Kiev (accademia Ciaikovski), Shangai, Chengdu, Osaka, San Pietroburgo, San Josè de Costarica ed in moltissime città italiane.
Musicologo, ha pubblicato molti saggi: Rigoletto, dramma rivoluzionario    2012; Alla presenza di quel Santo   2005 quattro edizioni e 2013; Era detto che io dovessi rimaner…   2006;  Da Santa a Pina, le grandi donne di Verga   2006 due edizioni; Puccini ha un bel libretto   2005 e 2013, A favore dello scherzo, fate grazia alla ragione   2006 e 2013; La favola della ”Cavalleria rusticana”   2005; Un verista poco convinto  2005; Dalla parte di don Pasquale  2005; Ti baciai prima di ucciderti    2006 e 2013;  Del mondo anima e vita è l’amor   2007 e 2014Vita gaia e terribile   2007; Genio e delitto sono proprio incompatibili?   2006 e 2012; Le ossessioni della Principessa  2008 e 2012; Dal Burlador de Sevilla al dissoluto punito: l’avventura di un immortale 2014; L’uomo di sabbia e il re delle operette    2014; Un grande tema con variazioni: il convitato di pietra  2015; E vo’ gridando pace e vo’ gridando amor        2015; Da Triboulet a Rigoletto   2011;  Editi da Teatro Sociale di Rovigo, Teatro Verdi di Padova, Teatro Comunale di Modena, Festival di Bassano del Grappa, Teatro Verdi di Pisa.
Ha pubblicato  “una gigantesca follia” Sguardi sul don Giovanni per la casa editrice ETS a cura di  da Alessandra Lischi, Maria Antonella Galanti e Cristiana Torti dell’Università di Pisa. Nel 2012 Ha edito un libro di poesie “Poesie 1996-2011” presso la casa editrice ABEdizioni. E’ nell’antologia di poeti contemporanei “Tempi moderni” edito da Libroitaliano World. E’ iscritto Siae ed autore delle versioni italiane del libretto delle opere: Rimskji-Korsakov  Mozart e Salieri; Telemann  Il maestro di scuola; Entrambe rappresentate al Teatro Sociale di Rovigo ed al teatro Verdi di Pisa. Dargomiskji Il convitato di pietra  rappresentata al teatro Verdi di Pisa
Redazione Cultura

la Cultura di Young, diretta da David Colantoni.

Ti è piaciuto questo articolo di Redazione Cultura ?

Devi essere loggato per inviare messaggi

Fondazione Teatro Verdi di Pisa opera Trovatore di Giuseppe Verdi Vittoria Yeo Sergio Bologna Leonardo Gramegna Andrea Battistoni Martino Faggiani Silvia Beltrami Francesco Milanese Simona di Capua Stefano Vizioli Alessandro Ciammarughi Franco Marri

YOUng - Slow Journalism è una testata giornalistica di proprietà di young S.R.L.

Registrazione Trib. di Nocera Inferiore (SA) n° 4 del 23/10/2014

P.IVA: 05093030657

Privacy Policy

Contatti

VIA GIOVANNI PAOLO II n. 100, Fisciano (SA)

Email: info@young.it

Seguici su Facebook

Newsletter

Newsletter

Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro DONAIl nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata. Scopri Come
X
Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro

DONA

Il nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata.

Scopri Come
X
Non hai abbastanza crediti?

Ricarica

O scopri come ottenerne con la Gamification

×