Questione Rai-Insinna, in attesa di provvedimenti della commissione di vigilanza parlamentare

il Presidente della commissione parlamentare di vigilanza RAI On Fico
Per leggere questo articolo ti servono .. 6 min.
Social Score

Rai-Insinna : Rendo pubblica la lettera che ho scritto oggi a tutti i membri della commissione di vigilanza RAI sulla questione Insinna. La lettera alla commissione di vigilanza si è resa necessaria dopo che ben tre lettere che ho scritto all’ufficio Stampa della RAI  sono cadute nel vuoto totale, disgustoso esercizio di disprezzo alle domande dei cittadini.  Dopo il mio articolo sulla violenza contro il corpo femminile ascoltate nel fuori onda di Insinna, ( qui articolo letto da 21.000 cittadini contribuenti ed elettori, chiedevo senza ottenere una minima risposta delucidazioni sulla questione alla RAI . Ecco  la lettera che ho spedito oggi alla commissione per porre l’attenzione   sul comportamento di questa istituzione finanziata con il pubblico denaro che dovrebbe avere massimo rispetto dei cittadini contribuenti e che Insinna ha invece chiamato “La merce”.

A fine lettera  pubblico poi gli indirizzi mail personali di tutti i membri della commissione di vigilanza sui servizi RAI , comprendenti Presidente, segretari,  senatori e parlamentari membri, sperando con ciò  di fare per il cittadino servizio utile e anzi invitando calorosamente  i cittadini a usarli senza timore per  porre all’attenzione dei nostri rappresentanti  le vostre petizioni su ogni questione che riteniate importante. Solo con la cittadinanza attiva e militante possiamo sperare in una amministrazione che sia di fatto e non di nome pubblica. 

————————————————————————————————————————

A tutti gli Onorevoli membri della
Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi

All’ufficio stampa della RAI  

 QUESTIONE INSINNA E QUESTIONE MANCATE RISPOSTE DA UFFICIO STAMPA RAI AL MIO GIORNALE  

Attenzione: questa lettera e  il nome di tutti i destinatari sarà pubblicata sul nostro magazine tra qualche giorno a prescindere ormai se riceverò una risposta o meno. 
 
Egregi Onorevoli Parlamentari e Senatori della Repubblica Italiana questa è la quarta mail che scrivo all’ufficio stampa della RAI e, oggi, per la prima volta a voi stessi- senza aver mai ricevuto uno straccio di risposta.

Avevo chiesto a Ufficio Stampa Rai la possibilità di sentire per una intervista un Funzionario della Rai, possibilmente il Presidente,  sulla questione Insinna a seguito di questo mio primo  articolo sui fatti : Flavio Insinna: “la si porta di la’ e la si colpisce al basso ventre” é art. 414 c.p.   

Articolo a oggi  letto  da 21.000 cittadini ed elettori della Repubblica Italiana nonché paganti 21 mila canoni televisivi,ebbene: dal 26 maggio, (data della mia prima mail) nessuna risposta,  come potrete verificare in screenshoot allegato in questa mail,  Atteggiamento questo da regime fascista  o stalinista o da Stato mafioso,  fate voi, cosa  inaccettabile già a partire dal fatto che  i cittadini pagano una tassa per  la RAI.
 
Le domande per cui chiedevo di poter contattare o essere contattato dal  presidente della RAI o da un suo portavoce o da altro funzionario di alto livello erano semplicissime.  

FATTI
il direttore di rete Andrea Fabiano ha espresso piena solidarietà a Flavio Insinna a proposito dello scandalo suscitato dal fuori onda trasmesso da Striscia la Notizia  ma questa solidarietà è scandalosa essa stessa perché tra le molte volgarità che abbiamo ascoltato ci sono state delle dichiarazioni, fatte all’interno di una sede della RAI, durante orario di lavoro,   in cui Flavio Insinna dice di una concorrente “portatela di la colpitela al basso ventre e riportatela di qua”.

Questa frase rappresenta  un crimine e un reato perché è violenza essa stessa e istigazione al delitto ( art. c.p. 414 )  

Le frasi che istigano a colpire una donna al ventre, organo che è anche  il luogo e il simbolo della maternità e della natività, soprattutto in questi giorni di violenza sulle donne, sono una intollerabile ed oscena istigazione alla violenza sulle donne e persino al  femminicidio , come ho espresso nel mio articolo se responsabilmente vorrete approfondirlo.

la RAI non può, proprio ideologicamente,  dare lavoro a chi , durante la propria funzione di conduttore  e dentro le sue sedi, si lascia andare a esprimere frasi  che sono  già in se stesse crimine orribile, crimine che ricorda scene da Garage Olimpo o da Camera della Tortura di via Tasso o da campo di concentramento : Ve la ripeto “portatela di là’ colpitela  al basso ventre e riportatela qua”. 

DOMANDE
Avrei voluto dunque chiedere per raccontarlo ai lettori se la RAI  si è resa conto della gravità estrema di queste dichiarazioni di violenza contro il corpo della donna nella sua più intima essenza, il ventre , che è anche appunto maternità,  e se si stia apprestando a indagine e a quali misure disciplinari contro Flavio Insinna e , per il suo ruolo di responsabile,   specialmente contro il Direttore di rete Andrea Fabiano che sul suo profilo twitter – vi allego screenshoot- espresse piena solidarietà, ancora visibile sul suo social,  ad Insinna,  invece di esprimere  profonde scuse a nome della Rete che dirige ,  ai cittadini della Repubblica Italiana. 

Ricordiamo di sfuggita anche la vergognosa questione che il signore che ha esclamato queste inudibili e criminali parole è un uomo da oltre 1.000.000 di euro annui   di contratto , mentre, il direttore Fabiano riceve per esprimere solidarietà a frasi che immaginano calci sul ventre di una donna portata nella stanza di la per condizionarne il comportamento, circa 300.000 euro annui. 

Volevo anche, in seconda battuta,  chiedere,  visto che Insinna, come abbiamo tutti udito,  cercava di violare il regolamento RAI per imporre giocatori diversi da quelli determinati dalle regole , quali certezze avesse la RAI che non si sia trattato di una forma di turbativa in un gioco che prevede vincite in denaro ingentissime  e quali certezze avesse la RAI   che non vi siano stati negli anni passati della conduzione del programma del signor Insinna  altri tentativi del genere  riusciti o meno, e se vi sarà anche per questo indagine interna e magari inchiesta giudiziaria. 
 
Ma dopo aver scritto all’Ufficio Stampa della RAI in qualità di responsabile cultura di un organo di stampa italiano – organo di stampa a tutti gli effetti legali, in quanto come tale  registrato presso il tribunale- senza contare che noi abbiamo una pagina social da quasi 100.000 lettori e molti più lettori unici   ( cittadini a cui viene prelevato il canone e che vanno a votare) , e  dopo averne atteso inutilmente ed attonito per oltre un settimana una minima risposta,  comincio a pensare  che la RAI  sia integralmente  MARCIA dentro,  visto che tra il comportamento di Insinna, del direttore  di rete  Fabiano e dell’ufficio stampa della RAI di cui sarebbe, pare,  capoufficio il signor Luigi Coldagelli -il cui simpatico volto ho potuto infine  apprezzare tra le mondanità del sito  Dagospia- , parrebbe proprio esserci una assoluta e perfetta coerenza di comportamento,  il cui principio sembrerebbe  essere il disprezzo del Cittadino. 

Cittadino a cui però si è arrivati a mettere direttamente le mani nel portafogli per prelevare il canone della RAI 

 
Illustri Onorevoli della commissione che in rappresentanza della sovranità popolare dovete vigilare sui servizi della RAI, (etimologia del sostantivo SERVIZI appunto da  SERVIRE), ebbene    tutto ciò è osceno, abominevole, aberrante, raccapricciante, odioso, schifoso e quant’altro e assolutamente meritevole di rivolta
 
Nel vano tentativo di comunicare con qualcuno  questa molteplicità di scandali mi sono reso conto poi che sul sito ufficiale  RAI non esistono le mail  personali dei dirigenti:   altra cosa vergognosa e squallida, dato che paghiamo noi,  a cui forse si dovrebbe urgentemente porre riparo, Onorevoli  vi invito a ispirarvi e comparare – per esempio- il sito della RAI  al sito della CNN dove i massimi responsabili hanno ben pubblicati i loro indirizzi mail a cui i cittadini possono scrivere potendo documentare cosi di averlo fatto, restando nelle loro mani la copia della mail spedita. 

i contatti personali dei dirigenti sul sito della CNN
i contatti personali dei dirigenti sul sito della CNN

Per quanto riguarda la frase di Insinna sul colpire al ventre una donna mi auguro, e con me centinaia di migliaia di cittadine e cittadini,  che in Voi Legislatori non trovi nessunissimo spazio di tolleranza o vorrebbe dire che non la RAI ma lo Stato stesso verserebbe in agonia morale irreversibile , e spero che le forse troppo poche donne della Commissione di vigilanza sappiano porre la questione di questa frase criminale al centro di provvedimenti serissimi  e urgenti di cui i cittadini contribuenti aspettano  di avere notizia. 

Ponendo il  nostro magazine a vostra  completa disposizione,  
 
vi ringrazio della vostra attenzione 

———————————————————————————————————-

Indirizzi  mail dei membri della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi

Presidente fico_r@camera.it

Vicepresidenti lainati_g@camera.it  francesco.verducci@senato.it

Segretari anzaldi_m@camera.it   molea_b@camera.it

SENATORI alberto.airola@senato.it   annamaria.bernini@senato.it   paolo.bonaiuti@senato.it  enrico.buemi@senato.it  alfonso.ciampolillo@senato.it  jonny.crosio@senato.it  vincenzo.cuomo@senato.it  segreteria.ldambrosio@gmail.com  camilla.fabbri@senato.it federico.fornaro@senato.it  gasparri@tin.it  miguelgotormdp@gmail.com salvatore.margiotta@senato.it  claudio.martini@senato.it raffaele.ranucci@senato.it maurizio.rossi@senato.it  roberto.ruta@senato.it  antoniofabio.scavone@senato.it Riccardo VILLARI senza contatto

PARLAMENTARI boccadutri_s@camera.it  bonaccorsi_l@camera.it  r.brunetta@camera.it   dalessandro_l@camera.it  fauttilli_f@camera.it  fratoianni_n@camera.it  garofani_f@camera.it   gelmini_m@camera.it  ginoble_t@camera.it   liuzzi_m@camera.it   lupi_m@camera.it   nesci_d@camera.it   orfini_m@camera.it peluffo_v@camera.it    pisicchio_g@camera.it   rampelli_f@camera.it

screen shoot mail alla comissione
screen shoot mail alla comissione
david colantoni

David Colantoni è poeta, scrittore, saggista pittore e artista visivo. E' autore della rivista Nuovi Argomenti, fondata da Alberto Moravia, della rivista Fermenti, e altre testate. Ha fondato e diretto il mensile di pensiero e letteratura Lettere dalla Frontiera. Insieme ad Aldo Rosselli, figlio dello storico del risorgimento Nello Rosselli e Nipote di Carlo Rosselli, di cui è stato amico e allievo per quasi 30 anni, ha fondato nel 1999 il quadrimestrale di cultura Inchiostri.  Per il cinema ha sceneggiato "Io, l'altro" 2007 , di Moshen Melliti. distribuito da 20th Century Fox. La sua Ultima esposizione come artista è avvenuta al Moscow Museum of Modern Art a giugno del 2015

Ti è piaciuto questo articolo di david colantoni ?

Devi essere loggato per inviare messaggi

femminicidio il fuori onda di Flavio Insinna Violenza sulle donne Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi striscia la notizia

YOUng - Slow Journalism è una testata giornalistica di proprietà di young S.R.L.

Registrazione Trib. di Nocera Inferiore (SA) n° 4 del 23/10/2014

P.IVA: 05093030657

Privacy Policy

Contatti

VIA GIOVANNI PAOLO II n. 100, Fisciano (SA)

Email: info@young.it

Seguici su Facebook

Newsletter

Newsletter

Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro DONAIl nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata. Scopri Come
X
Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro

DONA

Il nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata.

Scopri Come
X
Non hai abbastanza crediti?

Ricarica

O scopri come ottenerne con la Gamification

×