La Pinotti Ministro protempore della Sanità libica

a destra, il Ministro della Difesa italiana Roberta Pinotti
Per leggere questo articolo ti servono .. 6 min.
Social Score

La Pinotti –  il Ministro della Difesa Italiana- ,  è diventata Ministro protempore della Sanità libica a quanto pare…Qui in Italia si taglia la sanità con le cesoie, la motosega, l’ascia. Si sta smobilitando lo stato sociale, anche se servono figli per la Grande Italia sognata dalla Lorenzin. Bisogna, dicono al governo, dopo aver comprato un nuovo aereo presidenziale in leasing, risparmiare 7 miliardi euro per il 2017. E dunque si decimano gli esami clinici a cui i cittadini avevano diritto, circa 250 prestazioni sanitarie messe in un elenco di esami inappropriati, con minacce di sanzioni ai medici per metterli sotto pressione e lasciando ai cittadini di pagare se ne sono nelle condizioni. Si vuole sopprimere addirittura la guardia medica.

Viyan Qamislo delle squadre di difesa Kurde. uccisa in battaglia contro i terroristi dell'isis alcuni giorni fa
Viyan Qamislo delle squadre di difesa Kurde. uccisa in battaglia contro i terroristi dell’isis alcuni giorni fa

Ma suvvia …non ci sono solo cattive notizie. La buona notizia è tutta per quelli che non sono soddisfatti della Lorenzin: ovvero  che Il  Ministro della Difesa Pinotti de facto ha appena assunto il ruolo di Ministro protempore della Sanità della Libia,  in fondo un tempo suol d’Italia, dove, come apprendiamo dalle colonne dei quotidiani di oggi, la Ministra ha deciso di inviare,  a Misurata, 100 medici militari e 200 paracadutisti della Folgore,   per  prestare cure, come recita lo scopo ufficiale della missione,  ai miliziani libici di Misurata,: “Curare questi valorosi combattenti è un dovere” afferma giustamente  il Ministro protempore della Sanità libica signora Pinotti: egregia Ministro vorrei solo farle notare per intanto che  ci sarebbero le valorose donne Curde contro l’isis che stanno morendo come mosche,  Ministro se proprio glielo devo dire, donne  Curde che lottano strenuamente contro l’isis ma contro cui il membro dalla NATO turco sta scatenando da sempre le sue truppe contribuendo al loro assassinio.

10454273_10207884824988149_8336169648263985536_o
l’esperta di terrorismo islamico Nia Guaita, autrice di diversi studi sullo jiahdismo

Alleato e membro NATO Turco, Ministro Pinotti,  che secondo l’esperta di terrorismo islamico Nia Guaita,  sta curando proprio gli jiadisthi che ferirebbero e ucciderebbero anche i libici che lei sta mandando a curare con una missione militare  dai medici militari italiani. Lei capisce ministro che qui ci sarebbe un problema di fini e mezzi all’interno della NATO,  come si evince da cio che scrive la  stessa esperta di terrorismo islamico,  testo  che riporto a sua conoscenza Ministro Pinotti , sperando che in quanto Ministro della Difesa faccia ciò che le competerebbe istituzionalmente  molto di più che la salute dei combattenti libici, combattenti di cui sappiamo ben poco, e cioè fare pressioni in ambito NATO contro il doppio gioco Turco che sponsorizzerebbe proprio il terrorismo jihadista, per non parlarle delle persecuzioni di massa che la Turchia di Erdogan ha scatenato contro le istituzioni democratiche della magistratura della scuola della stampa e quanto altro,  come meglio spiego in questo mio articolo su Erdogan.

Tutte cose che in quanto essente la Turchia un membro della NATO interesserebbero  direttamente la giurisdizione del suo ministero, cioè la nostra Difesa.  Ma

Indifferente a tutto e a tutti, l’esercito turco avanza in Siria con la sua macchina da guerra. Nelle foto, carri armati arrivati oggi a Islahiye, Gaziantep, Afrin. photo courtesy e didascalia di Nia Guaita
Indifferente a tutto e a tutti, l’esercito turco avanza in Siria con la sua macchina da guerra. Nelle foto, carri armati arrivati oggi a Islahiye, Gaziantep, Afrin.
photo courtesy e didascalia di Nia Guaita

ecco cosa l’esperta Nia Guaita  scrive stia accadendo in questo momento in Siria “L’esercito turco avanza in Siria e si dirige in questo momento verso Islahiye, a nord di Afrin. Nonostante il presunto impegno a combattere i terroristi in Siria e in Iraq, la Turchia continua a trasportare e curare i combattenti jihadisti nei suoi ospedali da campo. Le foto degli ospedali da campo turchi erano trapelate già martedì scorso e mostrano i combattenti jihadisti, nel territorio a nord di Hama, in cura in Turchia. Hama non è affatto vicino al confine turco, e il trasporto di questi jihadisti feriti può avvenire solo se approvato dal governo turco. Tra i molti gruppi che trasportano i loro combattenti feriti in Turchia, c’è Jund Al-Aqsa, collegato ad Al Qaeda in Siria. Inoltre, è ancora aperto il valico di frontiera di Bab Al-Hawa; questo valico è ancora liberamente utilizzato giornalmente dai jihadisti Come dice Ministro? certosenz’altro Ministro,  Si ha ragione,  mi scusi , che centrano adesso le Curde? la Turchia? Gli Jiadhisti curati da un membro della NATO?  Mi scusi. Torniamo alla Libia,  giusto.

Allora spostiamo paracadusti, droni,  personale medico e paramedico militare , portaerei Garibaldi di appoggio, copertura aerea e, come logico pensare, crediamo anche noi quello che afferma la redazione di AnalisiDifesa  e cioè che  i paracadutisti, che sono forze speciali, avranno come minimo una copertura di  una compagnia di fanteria  dotata di mezzi  blindati  a protezione  della base e per la  scorta dei  convogli, delle ambulanze e quant’altro più una serie di componenti del genio militare e della logistica per il controllo  di ordigni esplosivi e altre necessita tattiche e organizzative di cui certo non si occupano i parà, insomma una vera e propria missione militare i cui costi per il contribuente  sui  quotidiani che oggi annunciano la prode decisione del  dovere di andare a curare i valorosi  miliziani combattenti di Misurata si sono completamente scordati di scrivere. Intanto l’Italia   già avrebbe  curato, cosi pare, diversi miliziani libici andandoli a prendere niente di meno che con gli Hercules C-130 per almeno 3 volte trasportandoli  nell’ospedale militare Celio, e suppongo dopo guariti riportandoli al fronte, come apprendiamo da questo articolo di AnalisiDifesa.  Dovevano proprio essere pezzi grossi, ovvero molto molto ma molto valorosi questi miliziani libici  per ricevere un simile trattamento :  essere avioprelevati in Libia e curati in Italia. Invece in Italia ci sono andati i motociclisti enduro volontari a raggiungere  le frazioni isolate per portare dietro il sellino i medici per i primi soccorsi e medicinali ai terremotati. .  Altro che licenziamenti del personale del 118 e mezzi vetusti del parco autoambulanze italiano. Hercules C-130 per curare miliziani libici. Ovvio. 

libia_attacco-ai-pozzi-petroliferi-
libia_attacco-ai-serbatoi -petroliferi-

Insomma sembra proprio che il  ministro della nostra difesa assuma ruoli espandendo la propria influenza e quella della funzione del suo ministero, nonché del  relativo Stato Maggiore che pianifica le missioni che poi lei presenta in parlamento,  ben oltre quello che le spetterebbe, perché ciò, curare i feriti,  è evidente, spetterebbe al ministero della salute di quella  nazione, e  in caso di impossibilità, in caso di mancanza di capacità da parte di quello stato,  a una organizzazione medica internazionale, come medici senza frontiere per esempio,   protetta esclusivamente da una forza multinazionale  di caschi blu sotto il mandato internazionale dell’ONU, e non già a mio modo di vedere all’Esercito Italiano, – anche per ovvi pericoli di ritorsioni sul nostro paese da parte della galassie di sigle terroristiche coinvolte in questa feroce guerra per il petrolio- e poi, ecco cosa succederebbe ad esempio, dal punto di vista giuridico internazionale, se i nostri soldati dovessero senza mandato ONU ad esempio accidentalmente fare delle vittime collaterali come è accaduto ai Marò in India? cosa accadrebbe se alcuni nostri soldati senza mandato internazionale ONU venissero catturati da forze nemiche? E poi  tutto ciò  a poche settimane da un terremoto che ha mietuto centinaia di vittime in Italia  e a fronte di un un problema di accesso a cure sanitarie in Italia non grave, ma gravissimo, tanto che già da tempo operano in Italia  ospedali da campo  di Emergency, si proprio qui in Italia, come fosse l’Afganistan,  ospedali che operano e prestano cure a coloro che in Italia non hanno più  accesso a sufficienti cure sanitarie da parte dello Stato, lo dico a Lei Ministro Pinotti visto che il suo ruolo sta assorbendo funzioni istituzionali di gestione della Salute che non sarebbero di sua competenza, Sebbene per il momento in straniero e petrolifero suol, malati italiani senza cure di Stato che  secondo il rapporto più recente del censis sono 11 milioni nel 2016, + due milioni rispetto  al 2012.

La sanità negata aumenta ancora. Erano 9 milioni nel 2012, sono diventati 11 milioni nel 2016 (2 milioni in più) gli italiani che hanno dovuto rinviare o rinunciare a prestazioni sanitarie nell’ultimo anno a causa di difficoltà economiche, non riuscendo a pagare di tasca propria le prestazioni. Al cambiamento «meno sanità pubblica, più sanità privata» si aggiunge il fenomeno della sanità negata: «niente sanità senza soldi». Riguarda, in particolare, 2,4 milioni di anziani e 2,2 milioni di millennials. (dal rapporto del censis 2016) 

Ministro Pinotti non sente il dovere- la salute è un diritto costituzionale in Italia – , visto che ha preso ad occuparsi della salute dei cittadini di altre nazioni, cosa che non compete minimamente  al suo ministero nemmeno qui in Italia,  di mandare degli Hercules C-130 a prendere anche questi 11 milioni di Italiani tagliati fuori dallo Statonon so, ad esempio penso alla ragazza morta per un ascesso ai denti perché non poteva permettersi il dentista come riporta questo articolo di Repubblica –  per ri-portarli in Italia e dispensare loro le stesse amorevoli cure che sta dando ai combattenti di Misurata nell’ospedale militare del Celio – combattenti  che magari, dopo curati, come già troppo spesso   successo in questi torbidi mediorientali,  direi quasi come da tradizione, cambiati i venti delle alleanze per il potere,  qui magari e volentieri  ci torneranno si ma  da nemici a far saltare bombe tra i civili? 

Alcune domande Ministro  : Vorrebbe gentilmente farci sapere tra le varie cose il costo di tutta questa operazione? Conferma le proiezioni dei costi di AnalisiDifesa che scrive “ una 50ina di milioni di euro all’anno tra mantenimento, supporto logistico e retribuzioni dei  300 militari a Misurata” ?  Dunque 50 milioni di euro annui per curare alcuni miliziani libici mentre in Italia a 20 anni si può morire di ascesso ai denti perché non si ha l’accesso alle cure ? Altra domanda: concorda con la frase con cui Vincenzo Nigro chiude il suo articolo su La Repubblica  ” In Libia ormai si combatte apertamente per una cosa soltanto: il petrolio.“? Se si,  di cosa stiamo parlando? forse di altre cose   nascoste sotto i 12 posti letto dell’unità ospedaliera che si sta per portare a Misurata con questo gran corteo di mezzi e uomini delle forze speciali? Magari si va tra una triage ospedaliera  e l’altra a entrare in gioco nel gioco delle fazioni che si giocano su un tavolo insanguinato i pozzi petroliferi della Libia? 

david colantoni

David Colantoni è poeta, scrittore, saggista pittore e artista visivo. E' autore della rivista Nuovi Argomenti, fondata da Alberto Moravia, della rivista Fermenti, e altre testate. Ha fondato e diretto il mensile di pensiero e letteratura Lettere dalla Frontiera. Insieme ad Aldo Rosselli, figlio dello storico del risorgimento Nello Rosselli e Nipote di Carlo Rosselli, di cui è stato amico e allievo per quasi 30 anni, ha fondato nel 1999 il quadrimestrale di cultura Inchiostri.  Per il cinema ha sceneggiato "Io, l'altro" 2007 , di Moshen Melliti. distribuito da 20th Century Fox. La sua Ultima esposizione come artista è avvenuta al Moscow Museum of Modern Art a giugno del 2015

Ti è piaciuto questo articolo di david colantoni ?

Devi essere loggato per inviare messaggi

Libia Milizie di Misurata terrorismo islamico terrorismo jiahdista Erdogan ministro della difesa Roberta Pinotti Pinotti

YOUng - Slow Journalism è una testata giornalistica di proprietà di young S.R.L.

Registrazione Trib. di Nocera Inferiore (SA) n° 4 del 23/10/2014

P.IVA: 05093030657

Privacy Policy

Contatti

VIA GIOVANNI PAOLO II n. 100, Fisciano (SA)

Email: info@young.it

Seguici su Facebook

Newsletter

Newsletter

Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro DONAIl nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata. Scopri Come
X
Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro

DONA

Il nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata.

Scopri Come
X
Non hai abbastanza crediti?

Ricarica

O scopri come ottenerne con la Gamification

×