“L’importanza del Business Model Canvas” presso la Hub spa di Napoli

Per leggere questo articolo ti servono .. 3 min.
Social Score

NAPOLI – Il 10 marzo 2016 presso la sede di HUB SPA a via Gianturco 66, si terrà un workshop focalizzato sulla creazione del Business Model Canvas, un moderno modello di business ideato da Alexander Osterwalder, autore del fortunato libro pubblicato nel 2010 “Business Model Generation” che, ad oggi, è stato tradotto in trenta lingue. È il 4° libro più venduto al mondo su Amazon, nella categoria “Sistemi di Pianificazione e Management”, e nel novembre 2014 ha superato il milione di copie vendute, (la versione italiana Creare Modelli di Business è edita da FAG). Il corso è aperto a tutti: associazioni operanti nel sociale, a liberi professionisti, imprenditori e persone interessate e sarà tenuto da Francesco d’Ausilio che si occupa di project management e modelli di business per l’innovazione aziendale, la cultura, e il sociale e Ugo Mendes Donelli che tiene il corso di Business Model Innovation presso i Master in Innovation Management, General Management e Finance Management della Fondazione CUOA e del Sole 24 Ore.

Il modello di business Canvas é così semplice, intuitivo e performante da aver preso immediatamente piede in tutto il mondo. Dopo essere stato sperimentato con la collaborazione di 470 imprenditori e professionisti di 45 paesi, attraverso una piattaforma digitale è stato utilizzato da numerose aziende multinazionali tra cui possiamo citare IBM, MasterCard, WWF, Ericsson, Intel, Oracle, Adobe e tante altre.

MA A COSA SERVE IL CANVAS?

Secondo Alexander Osterwalder, ideatore del business model canvas, il modello illustra come un’azienda crea, fornisce, e acquista valore. Da studi precedenti al canvas ed effettuati da Boston Consulting Group e IBM, risulta palese che gli innovatori del modello di business vedono crescere ricavi  e dividendi più che i soli innovatori di prodotto e di processo. Occorreva insomma, un modello di business che mettesse in luce tutte le componenti di un’azienda o di un’organizzazione no profit: dalle risorse umane, alle variazioni di segmenti del mercato. Così è  nato il modello di business  Canvas che si basa su un sapiente uso dei  post-It che consentono di avere una visione più  immediata, favorendo quindi variazioni più rapide del modello di business. Il Canvas é diventato ormai strumento indispensabile per aziende e organizzazioni no profit e spesso la creazione del Canvas precede la redazione del Business Plan.

Al Business Model Generation si deve un vero e proprio movimento internazionale di esperti ed appassionati del modello. Su Business Model Hub, il network ufficiale creato da Alexander Osterwalder, oggi sono presenti oltre 8.000 imprenditori e consulenti che ogni giorno discutono e sviluppano il modello.

Il Business Model Canvas è ormai entrato nei programmi di formazione universitaria e viene impartito nelle migliori business school del mondo, prime fra tutte Berkeley Stanford University.

Il corso sarà tenuto da:

Ugo Mendes Donelli

Fondatore di Hugowiz Srl società di consulenza strategica aziendale. Sta diffondendo la cultura dell’Innovazione del Business Model in Italia. Assiste le aziende e le persone nell’Innovazione, Strategia, Organizzazione e Comunicazione. Revisore tecnico dell’edizione italiana di “Business Model Generation” (Creare modelli di business) di Alexander Osterwalder e Yves Pigneur, Il manuale sul Business Model Canvas, oltre alle edizioni italiane di “The 10 Types of Innovation” di Larry Keeley, “Gear Up” di Lena Ramfelt e “The 4 Lenses of Innovation” di Rowan Gibson.

Ha tenuto e tiene il corso di Business Model Innovation presso i Master in Innovation Management, General Management e Finance Management della Fondazione CUOA e del Sole 24 Ore.

Francesco D’Ausilio

Partner studio Palma Associati, laureato in economia, si occupa di project management e modelli di business per l’innovazione aziendale, la cultura, e il sociale.

Ha maturato esperienza sui temi dell’innovazione attraverso la progettazione e la gestione di interventi su imprese ed enti pubblici finanziati da fonti nazionali ed europee.

Dal 2012 è consigliere di amministrazione di Hub SpA, il primo coworking e incubatore d’impresa giovanile e innovativa in Campania fondato in crowdfunding da oltre settanta soci.

E’ vice-presidente di Innovazione Sostenibile Roma (formazione e assistenza alle imprese su finanziamenti nazionali ed europei) e si occupa di formazione e consulenza sui modelli di business in qualità di partner della società di consulenza Hugowiz – Milano

Il corso comincerà alle 9.15 e si concluderà alle 18.15 ed è comprensivo di coffee break e pausa pranzo.

Il programma nel dettaglio

Mattina

Introduzione degli obiettivi
Sintesi degli argomenti
Il Business Model
I 9 elementi di base
Il Business Model Canvas
Esercizio svolto dai docenti
Esercizio svolto insieme
Esercizio per i partecipanti

Pomeriggio

Patterns
Unbundling
Long tail
Multi sided platform
Free
Less than free
Fast follower
Tecniche di progettazione

Maria Melania Barone

Giornalista pubblicista nasce a nel cuore di Napoli ma vive in molte città italiane, dopo aver compiuto studi umanistici si interessa al mondo editoriale con particolare attenzione alla politica, ambiente e geopolitica.

Ti è piaciuto questo articolo di Maria Melania Barone ?

Devi essere loggato per inviare messaggi

Alexander Osterwalder Hugowiz Srl Francesco d'Ausilio Ugo Mendes Donelli

YOUng - Slow Journalism è una testata giornalistica di proprietà di young S.R.L.

Registrazione Trib. di Nocera Inferiore (SA) n° 4 del 23/10/2014

P.IVA: 05093030657

Privacy Policy

Contatti

VIA GIOVANNI PAOLO II n. 100, Fisciano (SA)

Email: info@young.it

Seguici su Facebook

Newsletter

Newsletter

Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro DONAIl nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata. Scopri Come
X
Senza un tuo piccolo contributo, YOUng cesserà le pubblicazioni. Bastano 2 euro

DONA

Il nostro sistema innovativo ti restituisce la cifra versata.

Scopri Come
X
Non hai abbastanza crediti?

Ricarica

O scopri come ottenerne con la Gamification

×